Boeing ha bisogno di “un livello più elevato di supervisione”, afferma il principale regolatore dell’aviazione statunitense

Il nuovo capo della Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti ha affermato che la sua agenzia è a metà di un audit di sei settimane sulla produzione della Boeing, ma sa già che è necessario apportare modifiche al modo in cui il governo supervisiona il produttore di aerei.

L’amministratore della FAA Michael Whitaker ha suggerito che la Boeing – sotto la pressione delle compagnie aeree per produrre un gran numero di aerei – non sta prestando sufficiente attenzione alla sicurezza.

Whitaker ha affermato che la FAA ha dovuto affrontare due sfide dal 5 gennaio, quando un pannello della porta di emergenza ha fatto esplodere un Boeing 737 Max 9 a 4.800 metri sopra l’Oregon.

“Uno, cosa c’è che non va in questo aereo? Ma due, cosa sta succedendo con la produzione alla Boeing?” Whitaker ha detto alla sottocommissione per i trasporti della Camera degli Stati Uniti. “Ci sono stati problemi in passato. Non sembrano essere stati risolti, quindi riteniamo che sia necessario avere un livello più elevato di supervisione.”

La testimonianza di Whitaker davanti alla sottocommissione è stata di ampio respiro. I leader del comitato avevano formulato le domande a cui volevano una risposta, ma pochi legislatori si sono attenuti al copione: hanno chiesto di tutto, dall’incidente del Max 9 all’innalzamento dell’età pensionabile per i piloti ai migranti ospitati negli aeroporti.

Il motivo per cui i problemi del 737 Max 9 del Boeing non hanno sorpreso questo informatore

Un ex senior manager della Boeing che aveva segnalato problemi con i jet della serie Max prima degli incidenti mortali nel 2018 e nel 2019 non è rimasto sorpreso dal recente malfunzionamento. Ed Pierson parla con Adrienne Arsenault di The National di come sarebbe potuto accadere e di cosa è necessario fare per prevenire ulteriori problemi.

Whitaker ha detto che l’indagine prevedeva il collocamento di “circa due dozzine” di ispettori nello stabilimento Boeing 737 di Renton, nello stato di Washington, e “forse una mezza dozzina” in uno stabilimento di Wichita, Kan., dove il fornitore Spirit AeroSystems produce le fusoliere per i 737.

Whitaker ha detto che si aspetta che la FAA manterrà il personale nelle fabbriche Boeing e Spirit dopo che l’audit sarà terminato, ma ha detto che i numeri non sono stati determinati.

NTSB pubblica un rapporto preliminare

I commenti di Whitaker, che ha assunto la direzione della FAA circa tre mesi fa, sono arrivati ​​poche ore prima che gli investigatori del National Transportation Safety Board (NTSB) pubblicassero un rapporto preliminare sull’incidente del mese scorso.

Secondo gli investigatori dell’incidente, i bulloni che aiutavano a fissare un pannello al telaio dell’aereo dell’Alaska Airlines mancavano prima che il pannello esplodesse il mese scorso.

Il rapporto includeva una foto della Boeing, che funzionava sul pannello, chiamato door plug. Nella foto mancano tre dei quattro bulloni che impediscono al pannello di spostarsi verso l’alto. La posizione del quarto bullone è oscurata.

Due persone del National Transportation Safety Board tengono il tappo della porta del volo Alaska Airlines 1282.
Questa foto rilasciata dal National Transportation Safety Board degli Stati Uniti mostra il tappo della porta del volo Alaska Airlines 1282 l’8 gennaio, a Portland, Oregon. Gli investigatori dicono che i bulloni che aiutavano a fissare il pannello sull’aereo Boeing erano mancanti prima che il pannello esplodesse dall’aereo a metà volo il mese scorso. (Comitato nazionale per la sicurezza dei trasporti tramite AP, file)

Senza i bulloni, nulla impediva al pannello di scivolare verso l’alto e di staccarsi dai “tamponi di arresto” che lo fissavano alla cellula.

Il rapporto preliminare afferma che il tappo della porta, installato dal fornitore Spirit AeroSystems, è arrivato allo stabilimento Boeing vicino a Seattle con cinque rivetti danneggiati attorno al tappo. Un equipaggio del Boeing ha sostituito i rivetti danneggiati, cosa che ha richiesto la rimozione dei quattro bulloni per aprire la spina.

Gli investigatori hanno detto che stavano ancora cercando di determinare chi ha autorizzato l’equipaggio del Boeing ad aprire e reinstallare il tappo della porta.

L’NTSB non ha dichiarato una probabile causa dell’incidente, che verrà al termine di un’indagine che potrebbe durare un anno o più.

“Qualunque sia la conclusione finale raggiunta, Boeing è responsabile di quanto accaduto”, ha dichiarato il CEO David Calhoun in una nota. “Un evento come questo non deve accadere su un aereo che lascia la nostra fabbrica. Dobbiamo semplicemente fare meglio per i nostri clienti e i loro passeggeri.”

La FAA ha impedito alla Boeing di accelerare la produzione dei 737 finché l’agenzia non sarà soddisfatta dei problemi di qualità.

Spirit AeroSystems, che è il fornitore chiave di Boeing per il Max, ha dichiarato in una nota che sta esaminando il rapporto preliminare NTSB e sta lavorando con Boeing e le autorità di regolamentazione “sul miglioramento continuo dei nostri processi e sul rispetto dei più alti standard di sicurezza, qualità e affidabilità. “

Una sezione del volo Alaska Airlines 1282, a cui manca un pannello.
Questa immagine rilasciata dal National Transportation Safety Board mostra una sezione del volo Alaska Airlines 1282 a cui manca un pannello su un Boeing 737 Max 9. (Comitato nazionale per la sicurezza dei trasporti tramite AP, file)

Boeing, FAA sotto esame

Boeing e la FAA sono stati sottoposti a un nuovo esame dopo l’incidente del mese scorso sul Max 9 dell’Alaska Airlines. Le critiche sia alla compagnia che al suo regolatore risalgono agli incidenti mortali del Max 8 in Indonesia ed Etiopia che hanno ucciso 346 persone.

Whitaker ha promesso che la FAA “prenderà le misure appropriate e necessarie” per mantenere al sicuro il pubblico volante.

Ciò potrebbe comportare un monitoraggio più attento della Boeing. Per molti anni, la FAA ha fatto affidamento sui dipendenti dei produttori di aeromobili per eseguire alcuni lavori legati alla sicurezza sugli aerei costruiti dalle loro aziende.

Whitaker ha affermato che la pratica di autocontrollo – in teoria, supervisionata dagli ispettori della FAA – dovrebbe essere riconsiderata, ma si è fermato prima di dire che dovrebbe essere eliminata.

“L’attuale sistema non funziona perché non fornisce aerei sicuri”, ha affermato Whitaker. “Forse dobbiamo considerare gli incentivi per garantire che la sicurezza riceva il primo grado di considerazione che merita.”

(tagToTranslate)Boeing-aviazione

Il nuovo capo della Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti ha affermato che la sua agenzia è a metà di un audit di sei settimane sulla produzione della Boeing, ma sa già che è necessario apportare modifiche al modo in cui il governo supervisiona il produttore di aerei. L’amministratore della FAA Michael Whitaker ha…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *