Con una sola parola – “amante” – Trump utilizza un manuale familiare per modificare i suoi investigatori

WASHINGTON (AP) – Ogni volta Donald Trump si riferisce ad a procuratore della Georgia il collega di lei come suo “amante”, sta invocando un modo di dire sorprendentemente familiare.

Dopotutto, Trump da presidente ha usato più volte la stessa parola “ prendere in giro due funzionari dell’FBIincluso un agente che ha contribuito a condurre l’indagine sulle interferenze elettorali russe, dopo aver rivelato che la coppia aveva una relazione extraconiugale e aveva scambiato messaggi di testo peggiorativi su di lui.

Dopo anni di controlli da parte della Procura, culminando in 91 capi di imputazione, Trump ha ripetutamente cercato di distogliere l’attenzione da se stesso rendendo la vita personale degli investigatori matura per la derisione e il ridicolo. È saltato sulle accuse di affari e ha avanzato accuse di pregiudizio contro agenti, pubblici ministeri e giudici. È stato anche veloce nello sfruttare il processo decisionale a volte discutibile, o occasionali violazioni del protocollo, da parte dei funzionari che indagavano su di lui come mezzo per cercare di screditare intere inchieste.

La strategia sottolinea la misura in cui Trump vede i suoi quattro casi penali come battaglie da vincere non solo in un’aula di tribunale ma nel tribunale dell’opinione pubblica, dove gli attacchi ai funzionari – sia per ragioni infondate ma anche per errori di giudizio effettivi ed errori non forzati – sono in grado di modellare la percezione delle indagini e di distrarre dalle accuse alla base delle indagini.

“I pubblici ministeri nell’apparato delle forze dell’ordine generalmente non sono strutturati per rispondere a questo tipo di attacchi. La politica del Dipartimento di Giustizia è: non processiamo casi di pubblico dominio. Non rispondiamo a ogni singola cosa che dice un imputato”, ha detto Reid Schar, un ex procuratore federale che ha guidato il caso di corruzione contro l’ex governatore dell’Illinois Rod Blagojevich.

Ha aggiunto: “L’intero quadro concettuale verso cui Trump si è mosso non è quello in cui il Dipartimento di Giustizia o, francamente, i pubblici ministeri a livello statale, per la maggior parte, sono abituati a giocare”.

Trump ha recentemente colto le rivelazioni di una relazione romantica tra il procuratore distrettuale della contea di Fulton Fani Willis e un avvocato esterno, Nathan Wade, da lei assunto per aiutare a gestire il caso.

Willis ha riconosciuto la relazione in una dichiarazione in tribunale venerdì ma ha affermato che non vi erano basi per archiviare il caso o rimuoverla dall’accusa accusando Trump e altri 18 di aver complottato per sovvertire le elezioni del 2020 in Georgia. Domenica, in risposta alla denuncia, Trump ha pubblicato su Truth Social un post su Willis e il suo “amante” e ha affermato che avevano “perpetrato una cospirazione” per arricchirsi, imbrogliare e interferire nella corsa al 2024.

“Questo caso è una bufala, proprio come la Russia, la Russia, la Russia (e tutto il resto!), e tutti in America lo sanno”, ha scritto.

Le accuse di una relazione inappropriata sono state sollevate per la prima volta il mese scorso da un avvocato di un coimputato di Trump che ha affermato che ciò creava un conflitto di interessi. Ancor prima della presentazione di venerdì, Trump aveva intuito una via d’attacco. “Gli Innamorati sapevano che non avevo fatto nulla di male”, ha scritto in un post del 19 gennaio, aggiungendo che “gli Innamorati dovrebbero affrontare le conseguenze appropriate”.

In qualità di presidente, Trump ha sfruttato in modo simile la notizia secondo cui Peter Strzok, un agente principale nell’indagine per verificare se la campagna di Trump del 2016 si fosse coordinata con la Russia, e l’avvocato dell’FBI Lisa Page si erano scambiati messaggi di testo negativi su Trump durante l’indagine sulla Russia e avevano avuto una relazione extraconiugale. relazione.

Uno di questi testi, riferendosi alla prospettiva di una vittoria di Trump, diceva: “Lo fermeremo”. (Strzok, che è stato licenziato per questi testi, ha poi affermato che si riferiva alla volontà degli elettori americani e non ad eventuali misure adottate dall’FBI per interferire nelle elezioni).

IL Ispettore generale del Dipartimento di Giustizia ha definito i testi preoccupanti ma non ha trovato prove che le decisioni investigative fossero motivate da pregiudizi di parte. Ciò non ha impedito a Trump di accusare Strzok e Page di “tradimento”, né a molti dei suoi sostenitori di concordare con Trump sul fatto che l’intera indagine era stata una “caccia alle streghe”.

“Trump ha dimostrato la capacità di influenzare l’opinione pubblica in un modo che potrebbe non tirarlo fuori dai problemi legali che sta affrontando – dipenderà ancora da giudici e giurie – ma sembra certamente che stia migliorando la sua vitalità politica, come incredibile così com’è”, ha detto Greg Brower, ex vicedirettore dell’FBI presso l’ufficio affari del Congresso.

Strzok ha affermato di essere stato oggetto di oltre 100 tweet di Trump, raccontando all’Associated Press nel 2020 che “essere soggetti ad attacchi oltraggiosi, compreso lo stesso presidente, pieni di bugie e descrizioni errate e semplicemente rozzi e crudeli, è orribile”.

Altre figure coinvolte nell’indagine sulla Russia hanno provocato l’ira di Trump, tra cui Christopher Steele, l’ex spia britannica che ha compilato un dossier di voci salaci e non provate su Trump. Era anche arrabbiato con l’FBI, di cui tra le altre cose veniva incolpata presentare richieste errate per sorvegliare un ex assistente di Trump.

Nel 2017, pochi giorni dopo essere stato licenziato da Trump come direttore dell’FBI, James Comey inviò a un amico un promemoria in cui documentava un conversazione privata che aveva avuto con il presidente nello Studio Ovale e che lo aveva innervosito. L’obiettivo, ha ammesso in seguito Comey, era quello di condividere il contenuto con i media in modo che le azioni di Trump potessero essere smascherate e perché pensava che ciò avrebbe potuto spingere alla nomina di un avvocato speciale.

La nota di Comey rivelava che Trump gli aveva chiesto di chiudere un’indagine sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn. L’atto ha messo a nudo la determinazione di Trump nell’esercitare la sua volontà sull’FBI ed è diventato parte di un’indagine più ampia del consigliere speciale Robert Mueller per verificare se avesse ostacolato la giustizia.

Ma per Trump e i suoi sostenitori, la rivelazione è diventata un’occasione per attaccare Comey definendolo un “infiltratore”. Un rapporto dell’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia ha concluso che Comey aveva violato la politica dell’FBI ma ha affermato che, contrariamente a quanto affermato da Trump, non aveva divulgato illegalmente materiale riservato.

Lo stesso Mueller ha rivisto la sua vita personalecon Trump che chiedeva il suo licenziamento a causa di conflitti percepiti – Mueller anni prima aveva chiesto un rimborso per l’iscrizione a un golf club di Trump in Virginia – che gli assistenti avevano detto al presidente erano frivoli.

L’ex procuratore del Dipartimento di Giustizia Christopher Mattei, che ha perseguito l’ex governatore del Connecticut John Rowland e più recentemente ha rappresentato le famiglie del massacro della scuola elementare Sandy Hook in una causa contro il conduttore di Infowars Alex Jones, ha detto di essere preoccupato che Trump “abbia avvelenato una parte significativa della popolazione ” credere che i funzionari pubblici agiscano abitualmente per pregiudizi personali.

“Nella misura in cui è riuscito a suggerire alla gente che i nostri funzionari pubblici e la leadership che hanno prestato giuramento di svolgere il proprio dovere in realtà non lo stanno facendo, sì, questo è preoccupante”, ha detto.

WASHINGTON (AP) – Ogni volta Donald Trump si riferisce ad a procuratore della Georgia il collega di lei come suo “amante”, sta invocando un modo di dire sorprendentemente familiare. Dopotutto, Trump da presidente ha usato più volte la stessa parola “ prendere in giro due funzionari dell’FBIincluso un agente che ha contribuito a condurre l’indagine…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *