Disney+ ora limita la condivisione delle password negli Stati Uniti

Netflix è sempre stato un trendsetter nell’arena dello streaming online, ma quest’ultima tendenza è la peggiore finora.

Quasi un anno dopo l’avvio di Netflix repressione della condivisione delle password negli Stati UnitiDisney+ (Disney Plus) è destinato a fare lo stesso, secondo Il limite. Gli abbonati si aspettano di ricevere un’e-mail con ulteriori informazioni sulla modifica, che limita l’utilizzo di Disney+ ai dispositivi domestici della persona che paga la fattura mensile. Questa mossa è stata annunciata per la prima volta ultimo agosto poi implementato in Canada entro settembre.

Secondo il Al limitequeste nuove regole sono già in vigore per i nuovi abbonati, ma i clienti Disney+ esistenti hanno tempo fino al 14 marzo per mettere in ordine i propri affari.

Quanto a Come si dovrebbero prendere i propri affari per prepararsi a questo, non è del tutto chiaro. IL Sito di aiuto Disney+ offre solo quanto segue su come funziona ora la condivisione dell’account:

Non puoi condividere il tuo abbonamento al di fuori del tuo nucleo familiare. Per “Famiglia” si intende l’insieme dei dispositivi associati alla residenza personale principale utilizzati dagli individui che vi risiedono.

A differenza di Netflix, non sembra esserci un modo per pagare un extra per aggiungere utenti esterni al nucleo familiare. È possibile che possa esistere in futuro, ma al momento il Pagina delle fasce tariffarie Disney+ non affronta questo problema in alcun modo.

Sembra che, per ora, il modo migliore per aggirare queste regole sia semplicemente finanziare il proprio account. Peccato.

Netflix è sempre stato un trendsetter nell’arena dello streaming online, ma quest’ultima tendenza è la peggiore finora. Quasi un anno dopo l’avvio di Netflix repressione della condivisione delle password negli Stati UnitiDisney+ (Disney Plus) è destinato a fare lo stesso, secondo Il limite. Gli abbonati si aspettano di ricevere un’e-mail con ulteriori informazioni sulla modifica,…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *