Dopo i nuovi attacchi statunitensi che hanno colpito lo Yemen, l’Iran lancia un avvertimento su sospette navi spia in Medio Oriente

GERUSALEMME (AP) – Domenica l’Iran ha lanciato un avvertimento agli Stati Uniti riguardo al potenziale attacco a due navi mercantili in Medio Oriente sospettate da tempo di servire come base operativa di spedizione per i commando iraniani, subito dopo L’America e il Regno Unito hanno lanciato una massiccia campagna di attacchi aerei contro i ribelli Houthi dello Yemen.

La dichiarazione dell’Iran sulle navi Behshad e Saviz sembra segnalare il crescente disagio di Teheran nei confronti Attacchi americani nei giorni scorsi in Iraq, Siria e Yemen prendendo di mira le milizie appoggiate dalla Repubblica islamica.

Quegli attacchi sono essi stessi una campagna di ritorsione l’uccisione di tre soldati americani e il ferimento di dozzine di altri in Giordania, tutti risalgono a La guerra di Israele contro Hamas nella Striscia di Gazache ha intensificato le tensioni in tutto il Medio Oriente e ha sollevato timori sullo scoppio di un conflitto regionale.

Gli attacchi nello Yemen domenica scorsa hanno colpito sei province dello Yemen controllate dai ribelli Houthi, inclusa Sanaa, la capitale. Gli Houthi non hanno fornito alcuna valutazione dei danni, ma gli Stati Uniti hanno descritto di aver colpito arsenali missilistici sotterranei, siti di lancio ed elicotteri utilizzati dai ribelli.

“Questi attacchi non scoraggeranno le forze yemenite e la nazione dal mantenere il loro sostegno ai palestinesi nonostante l’occupazione e i crimini sionisti”, ha affermato il portavoce militare Houthi Brig. Ha detto il generale Yahya Saree. “Gli attacchi aerei degli aggressori non rimarranno senza risposta”.

Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha avvertito gli Houthi dopo gli attacchi che “continueranno a subire ulteriori conseguenze se non porranno fine ai loro attacchi illegali contro le navi da guerra e le navi da guerra internazionali”. Questo messaggio è stato ripreso dal ministro degli Esteri britannico David Cameron, che ha affermato: “Gli attacchi Houthi devono finire”.

La Behshad e la Saviz sono registrate come navi mercantili commerciali presso una compagnia con sede a Teheran che il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti ha sancito come copertura per la compagnia statale Islamic Republic of Iran Shipping Lines. I Saviz, poi i Behshad, bighellonano da anni nel Mar Rosso al largo dello Yemen, sospettati di servire come postazioni di spionaggio per la Guardia rivoluzionaria paramilitare iraniana.

Nel 2017, L’Arabia Saudita ha descritto la Saviz come una base marittima e un punto di trasbordo di armi per la Guardia, composto da uomini in divisa militare. Il filmato trasmesso dai canali televisivi di proprietà saudita mostrava la nave armata con quella che sembrava essere una mitragliatrice fissata al ponte della nave.

Nella dichiarazione video di domenica dell’esercito regolare iraniano, un narratore descrive per la prima volta le navi come “armerie galleggianti”. Il narratore descrive il Behshad come un aiuto ad una missione iraniana per “contrastare la pirateria nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden. ” Tuttavia, non è noto pubblicamente che l’Iran abbia preso parte a nessuna delle recenti campagne contro la crescente pirateria somala nella regione a seguito degli attacchi Houthi.

Poco prima che iniziasse la nuova campagna di attacchi aerei statunitensi, il Behshad viaggiò a sud nel Golfo di Aden. Ora è attraccato a Gibuti, nell’Africa orientale, appena al largo della costa di una base militare cinese nel paese.

La dichiarazione si conclude con un avvertimento a cui è sovrapposto un montaggio di filmati di navi da guerra statunitensi e una bandiera americana.

“Coloro che sono coinvolti in attività terroristiche contro Behshad o navi simili mettono a repentaglio le rotte marittime internazionali, la sicurezza e si assumono la responsabilità globale per potenziali futuri rischi internazionali”,

La Quinta Flotta della Marina americana con sede in Medio Oriente non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulla minaccia.

La Saviz, che ora si trova nell’Oceano Indiano vicino a dove gli Stati Uniti sostengono che gli attacchi dei droni iraniani abbiano recentemente preso di mira le navi, è già stata attaccata in passato. Nel 2021, probabile esplosione di una mina di patella fece un buco nello scafo del Saviz, costringendo l’Iran a riportare la nave a casa. Quell’attacco, sospettato che sia stato compiuto da Israelefa parte di una più ampia guerra ombra tra Teheran e Israele dopo il crollo dell’accordo sul nucleare iraniano.

___

Baldor e Copp riferirono da Washington. Gli scrittori dell’Associated Press Nasser Karimi a Teheran, Iran, e Brian Melley a Londra hanno contribuito a questo rapporto.

(tagToTranslate)Yemen

GERUSALEMME (AP) – Domenica l’Iran ha lanciato un avvertimento agli Stati Uniti riguardo al potenziale attacco a due navi mercantili in Medio Oriente sospettate da tempo di servire come base operativa di spedizione per i commando iraniani, subito dopo L’America e il Regno Unito hanno lanciato una massiccia campagna di attacchi aerei contro i ribelli…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *