Due attentati agli uffici elettorali uccidono 26 persone in Pakistan il giorno prima delle elezioni

Un paio di attentati contro gli uffici elettorali di un partito politico e di un candidato indipendente nel sud-ovest del Pakistan hanno ucciso almeno 26 persone e ne hanno ferite più di due dozzine, hanno detto i funzionari mercoledì, il giorno prima delle elezioni parlamentari.

Il primo attacco ha colpito l’ufficio elettorale di Asfandyar Khan a Pashin, un distretto della provincia del Baluchistan, ha detto Jan Achakzai, portavoce del governo provinciale. Le autorità hanno detto che almeno 15 persone sono state uccise nell’attacco e che i feriti sono stati trasportati in un vicino ospedale. La polizia ha detto che alcuni di loro erano in condizioni critiche.

Più tardi mercoledì, un altro attentato all’ufficio elettorale del partito Jamiat Ulema Islam (JUI) del politico Fazlur Rehman nella città di Qilla Saifullah nel Baluchistan ha ucciso almeno 11 persone, hanno detto Acahkzai e le autorità locali.

JUI è uno dei principali partiti islamici radicali ed è noto per sostenere i talebani afghani. Le scuole religiose della JUI sono sparse in tutto il paese, soprattutto nel nord-ovest e nel Baluchistan, al confine con l’Afghanistan. Molti leader talebani dell’Afghanistan hanno studiato nei seminari islamici gestiti dalla JUI, ma negli ultimi anni Rehman e i leader del suo partito sono stati attaccati dal gruppo Stato islamico e da altri militanti.

Nessuno ha immediatamente rivendicato la responsabilità degli attacchi, avvenuti un giorno prima delle elezioni parlamentari in Pakistan. Il ministro provvisorio degli Interni Gohar Ijaz ha denunciato gli attentati.

L’attentato è avvenuto nonostante il dispiegamento di decine di migliaia di forze di polizia e paramilitari in tutto il Pakistan per garantire la pace a seguito della recente ondata di attacchi militanti nel paese, soprattutto in Baluchistan.

Insurrezione di basso livello

L’Esercito di Liberazione del Baluchistan, fuorilegge, è dietro molteplici attacchi contro le forze di sicurezza nel Baluchistan, al confine con l’Afghanistan e l’Iran. Il 30 gennaio, un gruppo separatista dell’Esercito di liberazione del Baluchistan ha attaccato le strutture di sicurezza nel distretto di Mach, nel Baluchistan, uccidendo sei persone.

Negli ultimi anni, il Pakistan ha lottato per tenere a freno la crescente militanza, soprattutto nell’ex roccaforte dei talebani pakistani. Anche i talebani pakistani e altri gruppi militanti hanno una forte presenza nella provincia.

GUARDA | Il politico Imran Khan è stato condannato al carcere pochi giorni prima delle elezioni in Pakistan:

L’ex primo ministro pakistano viene condannato a 10 anni di carcere pochi giorni prima delle elezioni

Il deposto primo ministro pakistano Imran Khan è stato condannato martedì a 10 anni di carcere dopo che un tribunale lo ha ritenuto colpevole di aver rivelato segreti di stato. La sentenza arriva una settimana prima delle elezioni generali nel Paese alle quali Khan e il suo partito non possono partecipare nonostante restino una potente forza politica.

La provincia del Baluchistan, ricca di gas, al confine tra Afghanistan e Iran, è stata teatro di un’insurrezione di basso livello da parte dei nazionalisti Baluchi per più di due decenni. I nazionalisti baluchi inizialmente volevano una parte delle risorse provinciali, ma in seguito iniziarono un’insurrezione per l’indipendenza.

La violenza prima delle elezioni e il giorno delle elezioni è comune in Pakistan. In uno dei peggiori attacchi di questo tipo, il due volte ex primo ministro del Pakistan, Benazir Bhutto, fu uccisa in un attacco con armi e bombe nel 2007, pochi minuti dopo aver parlato a un comizio elettorale nella città presidiata di Rawalpindi. Suo figlio, Bilawal Bhutto-Zardari, ha guidato la campagna per il Partito popolare pakistano fino a martedì sera in condizioni di stretta sicurezza.

Un paio di attentati contro gli uffici elettorali di un partito politico e di un candidato indipendente nel sud-ovest del Pakistan hanno ucciso almeno 26 persone e ne hanno ferite più di due dozzine, hanno detto i funzionari mercoledì, il giorno prima delle elezioni parlamentari. Il primo attacco ha colpito l’ufficio elettorale di Asfandyar Khan…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *