‘Errore strategico’: l’Iran condanna gli attacchi americani contro Iraq e Siria | Guerra d’Israele su Gaza News

Il Ministero degli Esteri iraniano afferma che gli attacchi americani notturni sono “violazioni della sovranità e dell’integrità territoriale” dei due paesi.

L’Iran afferma che gli attacchi degli Stati Uniti all’Iraq e alla Siria sono un “errore strategico” che non farà altro che aumentare le tensioni e l’instabilità in Medio Oriente, aggravate dall’azione israeliana. campagna militare a Gaza.

Le forze statunitensi hanno lanciato un ondata di attacchi aerei contro i combattenti sostenuti dall’Iran in Iraq e Siria venerdì come rappresaglia per un attacco di droni in Giordania che domenica ha ucciso tre soldati americani.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha poi affermato che gli attacchi “continueranno nei tempi e nei luoghi di nostra scelta”.

In una dichiarazione di sabato, il portavoce del Ministero degli Affari Esteri iraniano Nasser Kanaani ha affermato che gli attacchi statunitensi costituiscono una “violazione della sovranità e dell’integrità territoriale di Iraq e Siria, del diritto internazionale e una chiara violazione della Carta delle Nazioni Unite”.

“Gli attacchi sostengono semplicemente gli obiettivi del regime sionista. Tali attacchi coinvolgono sempre più il governo degli Stati Uniti nella regione e mettono in ombra i crimini del regime sionista a Gaza”, si legge, riferendosi a Israele.

“La continuazione di tali avventure è una minaccia alla pace e alla sicurezza regionale e internazionale”, ha aggiunto, esortando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e la comunità internazionale a prevenire l’espansione della crisi.

La dichiarazione iraniana afferma che “le radici della tensione e della crisi nella regione risalgono all’occupazione da parte del regime israeliano e alla continuazione delle operazioni militari di questo regime a Gaza e al genocidio dei palestinesi con il sostegno illimitato degli Stati Uniti”.

“Il ritorno della stabilità e della sicurezza nella regione non può essere immaginato se non concentrandosi sulla causa principale della crisi e risolvendola”, ha affermato.

Gli Stati Uniti gestiscono basi militari in tutto il Medio Oriente da decenni. Ci sono circa 30.000 soldati americani sparsi nella regione. Inoltre, da quando è iniziata la guerra di Gaza in ottobre, gli Stati Uniti hanno temporaneamente inviato migliaia di truppe aggiuntive nella regione, anche su navi da guerra.

Gli attacchi di venerdì da parte degli Stati Uniti sembravano essersi fermati prima di colpire direttamente l’Iran o gli alti dirigenti dell’esercito iraniano all’interno dei suoi confini. L’Iran ha negato di essere dietro l’attacco alla Giordania.

Il Ministero degli Esteri iraniano afferma che gli attacchi americani notturni sono “violazioni della sovranità e dell’integrità territoriale” dei due paesi. L’Iran afferma che gli attacchi degli Stati Uniti all’Iraq e alla Siria sono un “errore strategico” che non farà altro che aumentare le tensioni e l’instabilità in Medio Oriente, aggravate dall’azione israeliana. campagna militare…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *