Facebook compie 20 anni: come il gigante dei social media è cresciuto fino a raggiungere 3 miliardi di utenti | Notizie sui social media

Nel 2004, mentre la banda larga stava sostituendo la connessione internet dial-up e i telefoni cellulari con schermi a colori stavano guadagnando popolarità, il 4 febbraio un social network, chiamato “TheFacebook”, è stato lanciato dal diciannovenne Mark Zuckerberg e dai suoi compagni di stanza del college ad Harvard. Università.

Facebook prende il nome dall’elenco fisico degli studenti distribuito nelle università all’inizio dell’anno accademico, comunemente noto come “face book”.

Nel giro di pochi anni, la piattaforma è esplosa in popolarità, diventando la più grande rete di social media al mondo, con oggi più di tre miliardi di utenti attivi mensili.

INTERACTIVE_FACEBOOK_TURNS_20_JAN28_2024 copya-1707040700

Traguardi importanti

L’idea alla base di Facebook era una derivazione di uno dei precedenti progetti di Zuckerberg chiamato Facemash, un sito web “caldo o no” utilizzato per valutare fianco a fianco i volti delle studentesse di Harvard.

Per ottenere le foto utilizzate sul sito, Zuckerberg è entrato nel sistema di sicurezza dell’università e ha copiato le immagini dei tesserini degli studenti senza il loro permesso. Ciò ha spinto l’università a chiudere la piattaforma entro pochi giorni dal suo lancio e ha portato ad azioni disciplinari contro Zuckerberg.

Eppure, solo pochi mesi dopo, Zuckerberg e i suoi compagni di stanza lanciarono un nuovo sito di networking che consentiva agli studenti di Harvard di connettersi con i loro coetanei utilizzando il loro indirizzo email “.edu”.

Screenshot di thefacebook.com catturato dall'Internet Archive il 12 febbraio 2004
Screenshot di thefacebook.com catturato dall’Internet Archive il 12 febbraio 2004

Il social network ebbe un grande successo e presto si diffuse in altri campus universitari negli Stati Uniti.

Nel suo primo anno, la piattaforma è cresciuta fino a raggiungere un milione di utenti e nell’agosto 2005 è stata ribattezzata “facebook.com”.

Entro la fine del 2006, chiunque abbia più di 13 anni e abbia accesso a Internet potrà aderire. Il numero di utenti è passato da 12 milioni nel 2006 a 50 milioni nel 2007, per poi raddoppiare fino a raggiungere i 100 milioni alla fine del 2008.

FACEBOOK IPO
L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg suona da remoto la campana di apertura del Nasdaq a Menlo Park, California, il 18 maggio 2012 (Reuters)

Nel 2012, l’anno in cui Facebook ha raggiunto il miliardo di utenti, è stato quotato in borsa, con un valore di 104 miliardi di dollari. Facebook ha fatto la sua offerta pubblica iniziale (IPO) a 38 dollari per azione e ha raccolto 16 miliardi di dollari. Da allora la quota di mercato della piattaforma è cresciuta di quasi 12 volte, fino a circa 474 dollari alla chiusura di venerdì.

Il 29 ottobre 2021, Zuckerberg ha annunciato il rebranding di Facebook, Inc in Meta Platforms, Inc. La società possiede e gestisce Facebook, Instagram, Threads e WhatsApp, tra altri prodotti e servizi.

Con tre miliardi di utenti mensili attivi, Facebook rimane la piattaforma di social media più popolare al mondo, rappresentando più della metà degli utenti Internet mondiali e più di un terzo della popolazione mondiale.

INTERACTIVE_FACEBOOK_TURNS_20_JAN28_2024 copia 2a-1707040689

Per mettere in prospettiva 3,03 miliardi di utenti, si tratta di più della popolazione di India (1,4 miliardi), Cina (1,4 miliardi) e Bangladesh (173 milioni) messe insieme.

Nel 2023, il pubblico più vasto di Facebook includeva: India (385,6 milioni), seguita da Stati Uniti (188,6 milioni), Indonesia (136,3 milioni), Brasile (111,7 milioni) e Messico (94,8 milioni).

INTERACTIVE_FACEBOOK_TURNS_20_JAN28_2024 copia 6a-1707040696

Chi usa di più Facebook?

Secondo Rapporto datiuna biblioteca di riferimento online, tra gli utenti globali di Facebook, gli individui di età pari o superiore a 65 anni (5,6%) superano quelli di età compresa tra 13 e 17 anni (4,8%).

Debra Aho Williamson, analista di Insider Intelligence che ha seguito Facebook fin dai suoi albori, nota che gli utenti più giovani del sito stanno diminuendo.

“Spesso i giovani danno forma al futuro della comunicazione. Voglio dire, è fondamentalmente così che Facebook è decollato: i giovani gravitavano verso di esso. E vediamo che ciò accade praticamente con ogni piattaforma social venuta sulla scena a partire da Facebook,” Williamson ha detto all’Associated Press agenzia di stampa.

Il gruppo di pubblico più numeroso di Facebook, con poco meno di un terzo (29,9%) di tutti gli utenti, ha tra i 25 ei 34 anni.

INTERACTIVE_FACEBOOK_TURNS_20_JAN28_2024 copia 5a-1707041737

Problemi con la privacy dei dati e la sicurezza degli utenti

Facebook ha riscontrato numerosi problemi relativi alla privacy dei dati e alla sicurezza degli utenti nel corso dei suoi 20 anni di esistenza.

Uno dei problemi più notevoli si è verificato nel 2018, quando lo era ha rivelato che una società di consulenza britannica Cambridge Analytica ha utilizzato senza autorizzazione le informazioni personali di 87 milioni di utenti di Facebook all’inizio del 2014 per creare profili di singoli elettori negli Stati Uniti per indirizzarli con pubblicità politiche personalizzate.

Zuckerberg ha partecipato alle sue prime udienze al Congresso a Capitol Hill, Washington, DC, dove è stato interrogato sulle sue pratiche sulla privacy dei dati. Il boss di Meta ha accettato di pagare le multe e ha detto che avrebbe rafforzato le norme sulla privacy sulla piattaforma.

L'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg - CTC
Il movimento cittadino globale Avaaz installa figure ritagliate a grandezza naturale di Zuckerberg che indossano magliette con la scritta “fix fakebook” in un’azione di protesta davanti al Campidoglio di Washington, USA, 10 aprile 2018 (Carolyn Kaster / AP Photo)

Il 31 gennaio 2024, Zuckerburg, insieme ai CEO di TikTok, X e altre piattaforme di social media, sono stati chiesto di testimoniare davanti alla Commissione Giustizia del Senato degli Stati Uniti.

In una rara dimostrazione di unità, i senatori repubblicani e democratici hanno interrogato gli amministratori delegati su come le società di social media non abbiano fatto abbastanza per frenare il danno che le loro piattaforme arrecano alla salute e al benessere di bambini e adolescenti.

Zuckerberg ha chiesto scusa ai genitori delle vittime. “Mi dispiace per tutto quello che avete passato. Nessuno dovrebbe subire le cose che hanno sofferto le vostre famiglie”, ha detto, aggiungendo che Meta continua a investire e lavorare su “sforzi a livello di settore” per proteggere i bambini.

I sostenitori della salute infantile affermano che le società di social media hanno ripetutamente fallito nel proteggere i minori.

Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Meta
Zuckerberg guarda Linda Yaccarino, CEO di X Corp, e Shou Zi Chew, CEO di TikTok, mentre alzano la mano per prestare giuramento durante l’audizione della Commissione Giustizia del Senato sullo sfruttamento sessuale dei minori online al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC (File: Evelyn Hockstein/Reuters)

Cosa ci aspetta per Meta?

Nonostante il controllo del governo e un pubblico più giovane in calo, giovedì Meta ha registrato un fatturato di 40,1 miliardi di dollari e un profitto di 14 miliardi di dollari per il quarto trimestre dello scorso anno, superando di gran lunga le previsioni degli analisti.

Meta, come molti altri giganti della tecnologia, ha investito molto nell’aumento della propria potenza di calcolo per supportare i suoi ambiziosi piani di intelligenza artificiale (AI).

Secondo ReutersMeta si sta preparando a lanciare i propri chip AI, denominati internamente “Artemis”, entro la fine dell’anno per essere utilizzati in prodotti di intelligenza artificiale generativa ad alto consumo di energia che prevede di integrare in Facebook, Instagram e WhatsApp.

Nel 2004, mentre la banda larga stava sostituendo la connessione internet dial-up e i telefoni cellulari con schermi a colori stavano guadagnando popolarità, il 4 febbraio un social network, chiamato “TheFacebook”, è stato lanciato dal diciannovenne Mark Zuckerberg e dai suoi compagni di stanza del college ad Harvard. Università. Facebook prende il nome dall’elenco fisico…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *