I pesci spada si stanno spostando verso nord nelle acque canadesi

Scienziati e pescatori canadesi stanno monitorando il movimento del pesce spada verso nord nelle acque di Terranova, dove il pregiato pesce viene catturato in gran numero sui Grand Banks e sul Flemish Cap.

Ciò che nessuno sa è se sia il risultato del riscaldamento dell’oceano o di un evento ciclico e temporaneo.

“Non è ancora chiaro se questa situazione stia diventando la nuova normalità a causa del cambiamento climatico o se la biomassa alla fine tornerà indietro come pensiamo sia avvenuto storicamente”, ha affermato il biologo di Fisheries and Oceans Canada Kyle Gillespie.

Lo scorso anno sono state sbarcate in Canada millenovecento tonnellate di pesce spada. Quasi un terzo dei pesci spada sono stati prelevati al largo di Terranova, dove i pescherecci con palangari provenienti dalla Nuova Scozia trascinavano chilometri di ami innescati per gran parte dell’estate.

Gillespie ha affermato che si tratta di un rapido cambiamento rispetto al decennio precedente, quando l’intero pescato canadese era concentrato lungo la piattaforma scozzese e Georges Bank, al largo della Nuova Scozia meridionale.

“Ciò che è particolarmente interessante quando analizziamo i dati di Terranova è che per ogni mille ami incontriamo molti più pesci, e sono di dimensioni più grandi”, ha detto Gillespie, che ha sede presso la stazione biologica di St. Andrews, NB

Il pesce spada si crogiola meno

Lo spostamento della distribuzione ha coinciso con un crollo degli sbarchi nella pesca con arpioni al largo della Nuova Scozia meridionale negli ultimi tre anni.

Tra il 2011 e il 2020, gli arpioni hanno rappresentato in media circa il 9% delle catture canadesi. I fiocinieri fanno affidamento sul fatto che il pesce spada normalmente emerge in superficie durante il giorno.

Una domanda è se si crogiolano meno a causa delle temperature più calde sotto la superficie.

Il veterano del settore Troy Atkinson ha affermato che il pesce spada è stato catturato al largo di Terranova 20 anni fa e potrebbe essere stato sotto il naso di tutti da sempre.

È possibile che il pesce spada sia sempre stato qui?

“Sospettiamo che i pesci siano sempre stati sui Grand Banks, ma non aveva senso economico viaggiare quattro giorni e sostenere spese extra quando si poteva pescare più vicino a casa”, ha detto Atkinson, presidente della Nova Scotia Sword Fishermen’s Association.

Ma anche lui si chiede se tutto ciò sarà permanente.

“Se continueremo a vedere una riduzione degli sbarchi su Georges (Bank) e un aumento degli sbarchi sulle Grand Banks per i prossimi cinque anni, e la situazione non tornerà indietro, allora lo sapremo”, ha detto.

GUARDA | Perché gli oceani sono più caldi, più acidi e vulnerabili:

Le barriere coralline in Florida stanno soffrendo, ma questo potrebbe essere il modo per salvarle

Le barriere coralline delle Florida Keys sono state decimate dalle malattie, dalle attività umane e dall’aumento della temperatura dell’oceano. La corrispondente internazionale sul clima della CBC, Susan Ormiston, ha incontrato gli scienziati che progettavano nuovi coralli in un laboratorio e li piantavano in natura per cercare di ripristinare un ecosistema critico.

I pesci spada seguono la Corrente del Golfo fino al Canada e si nutrono di calamari e altri pesci nelle acque fredde, più produttive, immediatamente adiacenti alla calda Corrente del Golfo.

Kyle Gillespie e il collega scienziato della Pesca e degli Oceani Alex Hanke vogliono sapere se il cambiamento nella loro distribuzione è legato a cambiamenti nel gradiente di temperatura o a spostamenti nel movimento della Corrente del Golfo.

Tag satellitari pop-up

Potrebbe anche avere a che fare con prede che non vengono monitorate così da vicino dalla DFO come altre specie.

“È probabilmente una combinazione di temperatura dell’acqua e altri fattori ambientali e legati alle prede”, ha affermato Gillespie.

Per tracciare i loro movimenti, Gillespie ha pianificato di attaccare etichette satellitari pop-up su una dozzina di pesci spada durante un viaggio a Browns Bank e Georges Bank al largo della Nuova Scozia meridionale nel settembre 2023.

Ma non ne hanno visto uno nei luoghi che erano punti caldi degli arpioni sei o sette anni fa.

“Le aree che funzionavano come un orologio quando e dove il pesce spada sarebbe apparso in superficie non lo sono più”, ha detto.

Seguendo i movimenti del pesce spada

L’operazione di etichettatura del pesce spada si sposterà a Terranova nel 2024.

I tag satellitari contengono sensori che rivelano posizione, schemi di immersione e temperatura dell’acqua.

Una volta recuperati, consentiranno ai ricercatori di seguire i movimenti per un anno e di confrontarli con le condizioni oceanografiche.

Informazioni che possono essere utilizzate per costruire modelli sull’idoneità dell’habitat per il pesce spada per interi bacini oceanici.

Gillespie sta lavorando con la National Oceanic and Atmospheric Administration negli Stati Uniti e con l’Istituto portoghese per il mare e l’atmosfera per costruire e convalidare tale modello.

Dati sul tasso di cattura

I tag possono anche aiutare a fornire risposte per la pesca con l’arpione.

“Hanno modificato le loro rotte migratorie e non si trovano più sulla piattaforma scozzese o più al largo? Per rispondere a queste domande dovremo combinare tracce di marcatura, schemi di immersione, temperatura dell’acqua e dati sul tasso di cattura di varie flotte.” disse Gillespie.

Scienziati e pescatori canadesi stanno monitorando il movimento del pesce spada verso nord nelle acque di Terranova, dove il pregiato pesce viene catturato in gran numero sui Grand Banks e sul Flemish Cap. Ciò che nessuno sa è se sia il risultato del riscaldamento dell’oceano o di un evento ciclico e temporaneo. “Non è ancora…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *