Il detentore del record mondiale di maratona Kelvin Kiptum e il suo allenatore muoiono in un incidente stradale in Kenya

Il detentore del record mondiale di maratona Kelvin Kiptum, destinato a diventare una superstar della corsa su lunga distanza, è rimasto ucciso insieme al suo allenatore in un incidente stradale in Kenya domenica scorsa.

Kiptum aveva 24 anni e aveva il record mondiale stabilito l’anno scorso alla Maratona di Chicago, ratificato dalla federazione internazionale di atletica leggera World Athletics proprio la settimana scorsa.

Era una delle prospettive più entusiasmanti emerse nella corsa su strada negli ultimi anni, ha affermato World Athletics.

Kiptum, che era keniano, e il suo allenatore ruandese Gervais Hakizimana sono rimasti uccisi nello schianto intorno alle 23:00. Un altro atleta keniano, Milcah Chemos, ha confermato la loro morte all’Associated Press. Lei era all’obitorio dell’ospedale dove furono portati i corpi e aveva visto il corpo di Kiptum, ha detto.

Faticava a parlare mentre scoppiava in lacrime.

“Non ho parole per spiegare la perdita di Kelvin”, ha detto.

L’incidente è avvenuto su una strada tra le città di Eldoret e Kaptagat nel Kenya occidentale, ha detto Chemos, nel cuore della regione ad alta quota che è rinomata come base di allenamento per i migliori maratoneti del Kenya e di tutto il mondo. Kiptum è nato e cresciuto nella zona.

Chemos ha detto di essere andata in ospedale con altri atleti e membri della famiglia di Kiptum dopo aver appreso la notizia. I membri della famiglia, incluso il padre di Kiptum, erano lì per identificare il suo corpo.

Denis Muga, il capo della polizia della zona di Kaptagat, ha detto che Kiptum stava guidando ed è stata l’unica macchina coinvolta nell’incidente.

Kenneth Kimaiyo, un amico di Kiptum, ha detto di essere arrivato sulla scena dell’incidente subito dopo l’incidente e che Kiptum era stato buttato fuori dall’auto. Sembrava che l’auto fosse uscita fuori strada ad alta velocità e si fosse scontrata con un albero prima di rotolare, ha detto Kimaiyo.

A bordo dell’auto c’era anche una terza persona, una donna, che è stata portata in ospedale con ferite gravi.

Le foto della scena mostravano l’auto color argento con il tetto gravemente rovinato e una delle portiere spalancata.

Detentore del record mondiale

La federazione atletica keniota si è detta rattristata nell’annunciare la morte di Kiptum e Hakizimana.

Kiptum è stato il primo uomo a correre la maratona in meno di 2 ore e 1 minuto in una gara ufficiale quando ha stabilito il record del mondo di 2:00.35 a Chicago in ottobre, battendo il record del grande compagno keniota e maratoneta Eliud Kipchoge. Ha stabilito il record proprio alla sua terza maratona di alto livello.

Kiptum avrebbe dovuto competere alla maratona di Rotterdam ad aprile, che sarebbe stato il suo primo evento da quando aveva battuto il record del mondo.

Il presidente della World Athletics Sebastian Coe è stato uno dei primi a esprimere le sue condoglianze in una dichiarazione su X, ex Twitter.

“Siamo scioccati e profondamente addolorati nell’apprendere della devastante perdita di Kelvin Kiptum e del suo allenatore, Gervais Hakizimana”, ha scritto Coe. “A nome di tutta l’atletica mondiale inviamo le nostre più sentite condoglianze alle loro famiglie, agli amici, ai compagni di squadra e alla nazione keniota”.

“È stato solo all’inizio di questa settimana a Chicago, il luogo in cui Kelvin ha stabilito il suo straordinario record mondiale di maratona, che ho potuto ratificare ufficialmente il suo tempo storico. Un atleta incredibile che lascia un’eredità incredibile, ci mancherà moltissimo”, ha scritto Coe.

David Rudisha, il due volte campione olimpico del Kenya negli 800 metri, ha scritto su X che la morte di Kiptum è stata “un’enorme perdita”.

Kiptum ha avuto un successo immediato correndo il miglior tempo di sempre da un debuttante della maratona alla Maratona di Valencia del 2022. L’anno successivo vinse le gare di Londra e Chicago, due delle maratone più prestigiose al mondo. Quando era giovane e nuovo sul circuito, aveva già corso tre dei sette tempi di maratona più veloci mai registrati.

È stato l’ultimo di numerosi corridori keniani di punta a morire in tragici incidenti stradali.

David Lelei, medaglia d’argento ai Giochi All-Africa, è morto in un incidente stradale nel 2010. Il maratoneta Francis Kiplagat era tra le cinque persone uccise in un incidente nel 2018. Nicholas Bett, che ha vinto l’oro nei 400 metri a ostacoli ai Giochi del 2015 campionati del mondo, morto anche lui in un incidente stradale nel 2018.

Rudisha, l’ex campione del mondo dei 10.000 metri Moses Tanui e la medaglia d’argento olimpica Paul Tergat sono tutti sopravvissuti a gravi incidenti stradali.

Samuel Wanjiru, il campione olimpico di maratona del 2008 che era anche considerato un grande di tutti i tempi, è morto nel 2011 all’età di 24 anni dopo essere caduto da un balcone nella sua casa in Kenya.

Il detentore del record mondiale di maratona Kelvin Kiptum, destinato a diventare una superstar della corsa su lunga distanza, è rimasto ucciso insieme al suo allenatore in un incidente stradale in Kenya domenica scorsa. Kiptum aveva 24 anni e aveva il record mondiale stabilito l’anno scorso alla Maratona di Chicago, ratificato dalla federazione internazionale di…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *