Il killer Mike portato via in manette ai Grammy Awards poche ore dopo la perlustrazione della categoria rap

Killer Mike arriva per la 66esima edizione dei Grammy Awards alla Crypto.com Arena di Los Angeles il 4 febbraio 2024. - Credit: ROBYN BECK/AFP/Getty Images

Killer Mike arriva per la 66esima edizione dei Grammy Awards alla Crypto.com Arena di Los Angeles il 4 febbraio 2024. – Credit: ROBYN BECK/AFP/Getty Images

L’assassino Mike era detenuto domenica pomeriggio alla 66esima edizione dei Grammy Awards alla Crypto.com Arena di Los Angeles, poco dopo aver vinto tre delle quattro categorie rap nella trasmissione pre-spettacolo circa due ore prima.

Video catturato da Quella dell’Hollywood Reporter Chris Gardner ha mostrato Mike, il cui vero nome è Michael Render, mentre veniva portato via in manette. Gardner ha riferito che un funzionario ha affermato che l’arresto era legato a un reato non specificato che non aveva a che fare con alcun evento accaduto domenica ai Grammy. (Ha detto un rappresentante del quartier generale del dipartimento di polizia di Los Angeles Rolling Stone non avevano informazioni da fornire al momento della stampa. Un rappresentante di Killer Mike non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.)

L’arresto è avvenuto poco dopo che il rapper si era recato nell’area stampa per rispondere alle domande sulla sua vittoria, euforico per essere stato riconosciuto dopo più di 20 anni di carriera hip-hop. “Sembra assolutamente grandioso”, ha detto Render. “Se sembra che alcune persone arrivino prima al traguardo, non preoccuparti. Continua a correre la tua corsa. L’unica cosa che ti ferma è la tua immaginazione. È nostra responsabilità essere grandi in ogni azione”.

Il premio di domenica ha segnato la prima volta che Render ha vinto un Grammy per il suo lavoro da solista. La sua prima vittoria è arrivata più di vent’anni fa per la migliore performance rap di un duo o gruppo insieme agli Outkast per “The Whole World”. Prima del 2024, è stato nominato l’ultima volta nel 2018 per la migliore canzone rap per “Chase Me”, la collaborazione di Run the Jewels con Danger Mouse e Big Boi.

Ironicamente, il padre di Mike prestava servizio come poliziotto ad Atlanta. Nel 2014, ha detto Il Fader che suo padre voleva che lui e i suoi fratelli fossero “buoni cittadini”, ma non voleva che entrassero nelle forze di polizia.

Mike ha fatto riferimento a suo padre anche nel 2020, durante un’emozionante conferenza stampa nel mezzo di intense proteste in seguito alle uccisioni da parte della polizia di George Floyd e Breonna Taylor.

“Sono il figlio di un agente di polizia della città di Atlanta. Mio cugino è un agente di polizia della città di Atlanta… ho molto amore e rispetto per gli agenti di polizia”, ​​ha detto stando accanto all’allora sindaco di Atlanta Keisha Lance Bottoms e al rapper TI Mike, insieme a TI ha anche rivolto appelli polarizzanti ai residenti di Atlanta affinché smettano saccheggi e incendi degli stabilimenti.

Ha osservato: “Ho il dovere di essere qui per dire semplicemente che è tuo dovere non bruciare la tua casa per rabbia verso un nemico. È tuo dovere fortificare la tua casa affinché tu possa essere una casa di rifugio nei tempi di organizzazione”.

Mike ha spesso discusso dei fallimenti del sistema di polizia nella sua musica, nelle interviste e a Editoriale del 2014 sulla rivolta di Ferguson“, dove ha scritto “Non mi prenderò mai un giorno libero per vigilare sulle persone con cui paghiamo e con cui manteniamo una fiducia pubblica. Utilizzerò la mia macchina fotografica, la mia penna, il mio blocco note e la mia rete per fare la mia parte, per assicurarmi che gli americani non temano più il loro governo. oppure sono dipendenti. Lavorano per noi, non viceversa.

Questa non è la prima volta che un artista viene arrestato sul luogo di una premiazione. Nel 2006, Yaasin Bey è stato arrestato dalla polizia di New York dopo uno spettacolo di strada in stile guerriglia. Si è recato al Radio City Music Hall, dove si stavano svolgendo gli MTV Video Music Awards, e ha eseguito “Katrina Clap”, un remix di “Nolia Clap” di UTP che parlava della tragedia dell’uragano Katrina. Sebbene l’allora pubblicista di Bey affermasse che aveva il permesso per esibirsi, fu comunque arrestato dopo che una folla si radunò attorno al camion a pianale su cui si stava esibendo.

Questa è una storia in via di sviluppo

Il meglio di Rolling Stone

(tagToTranslate)Killer Mike

Killer Mike arriva per la 66esima edizione dei Grammy Awards alla Crypto.com Arena di Los Angeles il 4 febbraio 2024. – Credit: ROBYN BECK/AFP/Getty Images L’assassino Mike era detenuto domenica pomeriggio alla 66esima edizione dei Grammy Awards alla Crypto.com Arena di Los Angeles, poco dopo aver vinto tre delle quattro categorie rap nella trasmissione pre-spettacolo…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *