Il Super Bowl influenzerà le opinioni politiche dei fan? Scommetterci.

Damian R. Murray, psicologo dell’Università di Tulane, studia come varie circostanze sociali ed eventi della vita influenzano le opinioni politiche delle persone. Ad esempio, ha scoperto di recente, diventare genitore significa a la persona diventa più socialmente conservatrice. Alla vigilia del Super Bowl, ha intervistato il New York Times per discutere di un altro studio recente, che ha esaminato come le prospettive politiche degli appassionati di sport possano essere alterate dalle vittorie e dalle sconfitte delle loro squadre.

Questa conversazione è stata modificata e condensata per chiarezza.

Cosa ha ispirato questo lavoro?

Questi giochi sono così emotivamente potenti e le persone sono così emotivamente coinvolte. La domanda è: quali potrebbero essere le implicazioni a valle, nel mondo reale, per cose che non hanno nulla a che fare con l’evento sportivo stesso? Ci sono conseguenze sugli atteggiamenti politici o sui modelli di voto o sulle affiliazioni ai nostri gruppi?

Per essere chiari, stiamo parlando di fan, non di persone che giocano effettivamente al gioco.

Giusto. Come spettatori, stiamo sperimentando gli alti e bassi di atleti con cui altrimenti non avremmo alcun rapporto. I cambiamenti materiali che sperimentiamo, sia che i giocatori vincano o perdano, sono essenzialmente pari a zero. Ma continuiamo ancora in questo viaggio psicologico.

Puoi descrivere la ricerca?

Noi facemmo due studi diversi in due popolazioni diverse. Il primo campione riguardava cittadini britannici in Inghilterra durante gli Europei del 2016.

un torneo della durata di un mese che si tiene ogni quattro anni per determinare la migliore squadra nazionale di calcio d’Europa.

È una cosa enorme laggiù, la cosa più vicina al Super Bowl, al di fuori della Coppa del Mondo. Quindi abbiamo campionato i britannici subito dopo le vittorie e le sconfitte significative del torneo. Abbiamo posto domande sui loro pregiudizi nazionali verso il gruppo, che è, ad esempio, quanto intelligente o carismatico percepiscono come un tipico residente del Regno Unito. Abbiamo anche chiesto loro cosa chiamiamo egualitarismo finanziario.

Che è?

Abbiamo chiesto loro se fossero d’accordo o meno sul fatto che sia responsabilità delle persone più abbienti aiutare quelle che stanno peggio, e cose del genere. Si arriva a quanto le persone siano tolleranti nei confronti della disuguaglianza finanziaria.

Abbiamo posto domande simili alla popolazione nel nostro secondo studio: persone fuori dal Tiger Stadium di Baton Rouge, in Louisiana, che assistevano alle partite di football della Louisiana State University. Abbiamo intervistato le persone prima e dopo le partite. Fortunatamente per noi, durante il nostro periodo di studio ci sono state due vittorie e due sconfitte.

Non così fortunato per la LSU

Giusto. Ciò che abbiamo scoperto è che dopo una vittoria, i tifosi della LSU avevano una maggiore propensione all’interno del gruppo: percepivano caratteristiche più positive sugli altri membri della LSU, come ad esempio il fatto che il tifoso medio della LSU è più intelligente e fisicamente forte rispetto al tipico americano. Come abbiamo fatto in Inghilterra, risultati simili. In Inghilterra, dopo una vittoria della nazionale, i tifosi ritenevano che l’inglese medio possedesse caratteristiche più positive che dopo una sconfitta.

E dopo una vittoria, i tifosi di entrambe le squadre si sentivano meno egualitari dal punto di vista finanziario. Quindi, sia in Inghilterra che alla LSU, i tifosi erano più propensi ad accettare le affermazioni secondo cui troppi soldi vengono assegnati a coloro che stanno peggio. Dopo una sconfitta è successo il contrario: i tifosi dopo la sconfitta erano più favorevoli all’uguaglianza finanziaria nella società.

Quindi, se siamo in un gruppo perdente, potremmo essere più protettivi nei confronti dell’idea di egualitarismo perché siamo consapevoli che potremmo finire sul lato corto del bastone?

Esattamente. Ci piace pensare che le nostre posizioni morali e la nostra politica siano razionali, ma sappiamo da molti lavori precedenti che la nostra morale è strategicamente calibrata. Lo studio sembra catturare questa spinta psicologica che abbiamo verso una maggiore parzialità di gruppo e l’affiliazione con vincitori e vinti, non importa quanto arbitrario sia il contesto o la competizione.

Nel senso che non abbiamo alcun controllo sul gioco?

SÌ. Inoltre, in quasi tutti i casi, il gioco non influenza il nostro sostentamento, il nostro portafoglio, la vita familiare o qualcosa del genere.

Quanto dura questo effetto? I fan dei Chiefs o dei Niners sentiranno una vittoria o una sconfitta a novembre?

I ricordi emotivi della vittoria o della sconfitta persisteranno sicuramente per molti fan, ma spero che questi piccoli cambiamenti politici siano abbastanza temporanei e che non durino più di pochi giorni. Ma anche gli effetti di breve durata possono avere conseguenze reali. Una delle più grandi vittorie del calcio britannico è arrivata poco prima del voto sulla Brexit. Questo voto è stato deciso con il margine più ristretto. È una testimonianza di come qualcosa di transitorio, come un evento sportivo che sposta anche solo un po’ l’ago della politica, abbia il potenziale di avere grandi ripercussioni a valle.

Hai effettivamente considerato la connessione tra Brexit e calcio?

No, e nessun altro, che io sappia, lo ha fatto.

Tuttavia, se il Super Bowl si tenesse, diciamo, a fine ottobre, ciò potrebbe influenzare le elezioni presidenziali di novembre?

Se dovessi fare congetture direi che sì, un Super Bowl di fine ottobre potrebbe potenzialmente influenzare un’elezione importante. Considerato il rigore decisionale di molti stati, spostare temporaneamente l’ago anche di mezzo punto percentuale o meno della maggioranza votante potrebbe cambiare l’esito delle elezioni.

È salutare lasciarsi coinvolgere così tanto da un gioco?

È totalmente psicologicamente salutare, se solo ricordi che è perché amiamo provare queste emozioni indirette. Amiamo affiliarci e mettere le nostre emozioni in queste maglie altrimenti totalmente indipendenti su un campo di calcio. Dopo la partita, però, incoraggerei i fan a lasciarlo sul campo o sullo schermo.

Damian R. Murray, psicologo dell’Università di Tulane, studia come varie circostanze sociali ed eventi della vita influenzano le opinioni politiche delle persone. Ad esempio, ha scoperto di recente, diventare genitore significa a la persona diventa più socialmente conservatrice. Alla vigilia del Super Bowl, ha intervistato il New York Times per discutere di un altro studio…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *