Israele preme a Gaza anche se Biden definisce la risposta militare “esagerata”

Le forze israeliane hanno effettuato attacchi aerei mortali su Gaza venerdì, poche ore dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha descritto la risposta militare all’attacco del 7 ottobre contro Israele da parte del movimento Hamas al potere nei territori palestinesi come “esagerata”.

Israele ha continuato la sua campagna di bombardamenti mentre i diplomatici cercavano di salvare i colloqui di cessate il fuoco dopo che il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva respinto una proposta di Hamas che prevedeva anche il rilascio degli ostaggi detenuti dal gruppo militante palestinese.

Gli Stati Uniti sperano di garantire una pausa nei combattimenti prima che Israele sferri un minacciato assalto di terra sulla città meridionale di Rafah, dove oltre la metà dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza si stanno rifugiando vicino al confine con l’Egitto.

Funzionari sanitari palestinesi hanno affermato che almeno 15 persone sono state uccise negli ultimi attacchi aerei, di cui otto a Rafah, l’ultimo rifugio per molti abitanti di Gaza sfollati mentre l’offensiva israeliana avanzava verso sud attraverso la stretta enclave costiera.

Viene mostrato il fumo che sale dal cielo mentre le tende vengono raffigurate da lontano in un ambiente rurale.
Il fumo si alza durante gli attacchi israeliani mentre i bambini palestinesi fanno volare gli aquiloni in una tendopoli a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, venerdì. (Ibrahim Abu Mustafa/Reuters)

Salem El-Rayyes, un giornalista freelance palestinese che vive in un campo per sfollati, ha detto che tra le vittime ci sono dei bambini quando un missile israeliano si è schiantato contro una casa in una zona vicina.

“Dormivano nelle prime ore di venerdì, intorno all’alba”, ha scritto su Facebook. “L’esplosione ha fatto tremare la terra sotto i nostri piedi e il suono riecheggia ancora nelle nostre orecchie.”

Ha detto che i corpi delle vittime “sono volati dal terzo piano prima di cadere a terra all’esterno dell’edificio sulle auto all’interno dello stretto vicolo e in prossimità delle case vicine”.

Israele non ha commentato immediatamente gli ultimi attacchi aerei. Dice che sta adottando misure per evitare vittime civili e accusa i militanti di Hamas di nascondersi tra i civili, anche nei rifugi scolastici e negli ospedali. Hamas ha negato di averlo fatto.

GUARDA l Il ministro canadese dell’Immigrazione è “piuttosto incazzato” per i ritardi alle frontiere:

Il ministro dell’Immigrazione arrabbiato per i ritardi nel far uscire le persone da Gaza

Marc Miller afferma che il Canada spera in una rapida approvazione dopo aver presentato alle autorità locali, tra cui Egitto e Israele, un elenco iniziale di persone da evacuare da Gaza. “Forse c’è trepidazione da parte della gente sul posto nel lasciare uscire queste persone, ma è un gesto umanitario”, ha detto.

Critiche più dure dalla Casa Bianca

Washington ha avvertito giovedì che qualsiasi operazione militare israeliana lanciata a Rafah senza la dovuta considerazione per la difficile situazione dei civili sarebbe un disastro, e ha detto che non l’avrebbe appoggiata.

Sebbene gli Stati Uniti siano l’alleato più importante di Israele, hanno esortato Israele a ridimensionare la sua guerra totale in una campagna più mirata contro i leader di Hamas.

In alcune delle sue critiche pubbliche più aspre fino ad oggi al governo di Netanyahu, Biden ha detto giovedì ai giornalisti alla Casa Bianca: “Sono del parere, come sapete, che la condotta della risposta nella Striscia di Gaza è stata esagerata .”

Biden ha detto che sta spingendo per un accordo per normalizzare le relazioni Arabia Saudita-Israele, aumentare la quantità di aiuti umanitari che raggiungono i civili palestinesi e sospendere i combattimenti per un certo periodo per consentire il rilascio degli ostaggi presi da Hamas.

“Sto spingendo molto forte adesso per affrontare questo cessate il fuoco con gli ostaggi”, ha detto Biden. “Ci sono un sacco di persone innocenti che muoiono di fame, molte persone innocenti che sono nei guai e muoiono, e questo deve finire.”

Il ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato venerdì che almeno 27.947 palestinesi sono stati uccisi nel conflitto, 107 dei quali nelle 24 ore precedenti, e 67.459 feriti.

Una donna in uniforme da polizia viene mostrata vicino a una barricata mentre dietro di lei viene mostrata una fila di persone.
Membri delle forze di sicurezza israeliane fanno la guardia mentre i fedeli musulmani aspettano a un posto di blocco vicino alla Porta dei Leoni per entrare nel complesso della moschea di Al-Aqsa prima della preghiera del venerdì a Gerusalemme. (Ahmad Gharabli/AFP/Getty Images)

Si dice che molti altri potrebbero ancora essere sepolti sotto le macerie dell’offensiva israeliana – lanciata dopo che i militanti di Hamas avevano condotto attacchi in cui morirono 1.200 persone, tra cui diversi canadesi. Secondo i conteggi israeliani, il 7 ottobre sono stati presi circa 253 ostaggi, mentre la situazione di circa 130 non è nota dopo che alcuni ostaggi sono stati liberati e altri sono stati confermati morti nei mesi successivi.

Questa settimana Hamas ha proposto un cessate il fuoco di 4 mesi e mezzo, durante il quale tutti gli ostaggi rimasti sarebbero stati liberati, Israele avrebbe ritirato le sue truppe e sarebbe stato raggiunto un accordo sulla fine della guerra.

La sua offerta era una risposta a una proposta elaborata dai capi dello spionaggio statunitense e israeliano con il Qatar e l’Egitto e consegnata a Hamas la settimana scorsa.

GUARDA l Netanyahu risponde con forza, Blinken dice che c’è spazio per fare un accordo:

Netanyahu rifiuta l’ultima offerta di cessate il fuoco di Hamas

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha respinto le proposte di Hamas per il cessate il fuoco e i termini di rilascio degli ostaggi mentre i colloqui continuano. Netanyahu ha promesso di portare avanti la lotta contro Hamas fino alla “vittoria assoluta”.

Mercoledì Netanyahu ha detto che i termini offerti da Hamas sono “deliranti” e ha promesso di continuare a combattere, dicendo che la vittoria è a portata di mano e a pochi mesi di distanza.

Hamas afferma che non accetterà alcun accordo che non includa la fine della guerra e il ritiro israeliano. Israele afferma che non si ritirerà né smetterà di combattere finché Hamas non sarà sradicato.

A dimostrazione che gli sforzi diplomatici continuano, una delegazione di Hamas guidata dall’alto funzionario Khalil Al-Hayya è arrivata giovedì al Cairo per colloqui con i mediatori Egitto e Qatar.

Anche il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha visitato il Medio Oriente questa settimana in un viaggio lampo per cercare di garantire una svolta ed evitare che il conflitto si estenda ulteriormente nella regione.

Scontri a fuoco a Gaza City

Oltre alle otto persone uccise venerdì a Rafah, funzionari sanitari palestinesi hanno affermato che quattro persone sono state uccise in un attacco aereo contro una casa nella città di Al-Zawaydeh, nel centro di Gaza, e una nella vicina Deir Al-Balah.

I residenti hanno riferito di feroci scontri a fuoco nella città di Gaza, nel nord, e testimoni hanno detto che le parti orientali di Khan Younis, nel sud, sono state bombardate. Medici e media di Hamas hanno affermato che un attacco di droni israeliani ha ucciso due persone a Khan Younis.

GUARDA l Il famoso chef Andres spera nel cessate il fuoco per fornire cibo a Khan Younis:

Come la World Central Kitchen di Jose Andres ha portato 32 milioni di pasti a Gaza

Lo chef José Andrés è appena tornato dalla sua prima missione di lancio aereo per aiutare a consegnare cibo e medicine alla popolazione nel nord di Gaza. Il mese scorso era a Gaza e lui e il suo team hanno fornito più di 32 milioni di pasti a seguito dell’escalation del conflitto nella regione.

Philippe Lazzarini, capo dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, ha sottolineato il crescente prezzo che la guerra sta imponendo ai bambini di Gaza.

“I bambini vengono derubati dell’infanzia. È necessario invertire la situazione a partire da un cessate il fuoco umanitario”, ha scritto su X, precedentemente noto come Twitter.

Il mese scorso Israele ha accusato 12 dei 13.000 dipendenti dell’UNRWA di aver preso parte all’attacco del 7 ottobre. Da allora nove sono stati licenziati. Dei restanti tre membri del personale, uno è morto e l’Onu sta chiarendo l’identità degli altri due.

Le forze israeliane hanno effettuato attacchi aerei mortali su Gaza venerdì, poche ore dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha descritto la risposta militare all’attacco del 7 ottobre contro Israele da parte del movimento Hamas al potere nei territori palestinesi come “esagerata”. Israele ha continuato la sua campagna di bombardamenti mentre i…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *