Jeff Bezos ha riso delle critiche di Jay Leno nel 1999 su Amazon che perdeva miliardi e non realizzava mai profitti: “Siamo un’azienda notoriamente non redditizia”

Quando Jeff Bezos fondò Amazon.com Inc. nel suo garage nel 1994, il concetto di libreria online sembrava inverosimile a molti. I critici abbondavano e numerosi potenziali investitori rifiutarono l’opportunità di una quota di proprietà, scettici sulla sua fattibilità. Nonostante i dubbi, Bezos è rimasto fedele alla sua visione di Amazon.

Un videoclip da a Intervista del 1999 con il conduttore televisivo Jay Leno è recentemente riemerso su X, evidenziando lo scetticismo che Bezos ha dovuto affrontare. Nell’intervista, Bezos, allora CEO di Amazon, ha espresso le preoccupazioni sulla strategia finanziaria dell’azienda.

Leno ha messo in dubbio la logica dietro la valutazione di Amazon, dicendo: “L’azienda vale miliardi, e ogni volta che prendo in mano il giornale ogni anno, perde più soldi rispetto all’anno precedente. L’azienda non ha mai realizzato profitti. Come funziona?”

Da non perdere:

Bezos è d’accordo, dicendo: “Sembra una nuova matematica, non è vero?” Questo primo scambio riflette lo scetticismo che circonda l’approccio di Amazon al business.

Leno, con il suo spirito caratteristico, ha detto: “Per qualcuno che non sa nulla di queste cose, non ha molto senso”. Imitando i dubbi del pubblico, ha scherzato: “Abbiamo perso 12 milioni di dollari l’anno scorso e stiamo andando alla grande!”

Bezos, impassibile, scoppiò a ridere prima di chiarire: “Questo non è un fenomeno nuovo. Siamo un’azienda notoriamente non redditizia e stiamo investendo nel futuro, il che non è insolito”.

L’approccio di Amazon volto a reinvestire continuamente i propri profitti in espansione, innovazione e diversificazione è stato una pietra angolare della sua strategia. Questa strategia di reinvestimento ha consentito ad Amazon di ampliare significativamente le proprie operazioni e di espandersi in vari settori oltre l’e-commerce, come il cloud computing con Amazon Web Services, lo streaming digitale e l’intelligenza artificiale.

Tendenza: Sei ricco? Ecco cosa pensano gli americani per essere considerati ricchi.

Non è stato fino al quarto trimestre del 2001 che Amazon ha realizzato per la prima volta un profitto, guadagnando 0,01 dollari per azione su un fatturato di oltre 1 miliardo di dollari. Questa pietra miliare è stata seguita da un risultato più significativo nel 2003, quando Amazon ha registrato il suo primo anno intero di redditività, guadagnando 35 milioni di dollari per l’anno, rispetto alla perdita di 149 milioni di dollari dell’anno precedente. Ciò ha segnato un punto di svolta per Amazon, confermando la sua strategia di crescita a lungo termine e la sua attenzione al reinvestimento nel business.

Nonostante i dubbi iniziali, la strategia di Amazon di reinvestire i profitti nell’espansione e nell’innovazione ha dato i suoi frutti. La società, un tempo criticata per la sua mancanza di redditività, a febbraio si è evoluta in un’entità da 1,77 trilioni di dollari. Questa crescita significa una trasformazione drammatica nella strategia e nell’impatto del mercato, affermando Amazon come leader nell’e-commerce, nel cloud computing e nell’intelligenza artificiale.

La ricchezza di Bezos è cresciuta notevolmente, collocandolo come uno degli uomini più ricchi del mondo. A febbraio, il suo patrimonio netto è stimato a 193,8 miliardi di dollari Forbesillustrando il monumentale successo delle sue iniziative imprenditoriali.

Leggi dopo:

“L’ARMA SEGRETA DEGLI INVESTITORI ATTIVI” Potenzia il tuo gioco di borsa con lo strumento di trading n. 1 “notizie e tutto il resto”: Benzinga Pro – Clicca qui per iniziare subito la tua prova di 14 giorni!

Ricevi le ultime analisi azionarie da Benzinga?

Questo articolo Jeff Bezos ha riso delle critiche di Jay Leno nel 1999 su Amazon che perdeva miliardi e non realizzava mai profitti: “Siamo un’azienda notoriamente non redditizia” originariamente apparso su Benzinga.com

© 2024 Benzinga.com. Benzinga non fornisce consulenza sugli investimenti. Tutti i diritti riservati.

Quando Jeff Bezos fondò Amazon.com Inc. nel suo garage nel 1994, il concetto di libreria online sembrava inverosimile a molti. I critici abbondavano e numerosi potenziali investitori rifiutarono l’opportunità di una quota di proprietà, scettici sulla sua fattibilità. Nonostante i dubbi, Bezos è rimasto fedele alla sua visione di Amazon. Un videoclip da a Intervista…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *