Joly dice che il Canada sanzionerà alcuni coloni israeliani ‘estremisti’, leader di Hamas

Il ministro degli Esteri Mélanie Joly afferma che il Canada imporrà sanzioni ai coloni israeliani “estremisti” nei territori palestinesi, così come ai leader di Hamas.

In un’intervista su Rosemary Barton dal vivo che andrà in onda domenica, Joly ha detto che il governo “ci sta lavorando attivamente” mentre lei prende parte a un tour in Ucraina, dove ha incontrato funzionari ucraini e ha visitato i siti colpiti dalla guerra in corso nel paese.

“Sanzioniremo i coloni estremisti e introdurremo anche nuove sanzioni sui leader di Hamas”, ha detto Joly al corrispondente politico capo della CBC, Rosemary Barton.

“Mi sto assicurando che mentre sono in Ucraina, il lavoro venga svolto a Ottawa e non vedo l’ora di fare presto degli annunci.”

Il primo ministro Justin Trudeau ha detto venerdì che il Canada sta valutando la possibilità di imporre restrizioni su alcuni israeliani che vivono negli insediamenti illegali in Cisgiordania.

“La violenza dei coloni in Cisgiordania è assolutamente inaccettabile e mette a rischio la pace (e) la stabilità nella regione, e il percorso verso la soluzione dei due Stati che è assolutamente essenziale”, ha detto ai giornalisti dopo un evento a Waterloo, Ontario.

Il Canada seguirebbe le orme degli Stati Uniti, che questa settimana hanno annunciato una seconda serie di sanzioni contro quattro individui accusati di incitamento e perpetrato violenza contro palestinesi e attivisti pacifisti israeliani in Cisgiordania.

“Questa violenza rappresenta una grave minaccia alla pace, alla sicurezza e alla stabilità in Cisgiordania, Israele e nella regione del Medio Oriente, e minaccia la sicurezza nazionale e gli interessi di politica estera degli Stati Uniti”, ha dichiarato in una conferenza stampa il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan. dichiarazione.

La violenza nei territori palestinesi è aumentata dallo scoppio della guerra tra Israele e Hamas, innescata dagli attacchi guidati da Hamas il 7 ottobre in cui sono stati uccisi circa 1.200 israeliani e circa 250 presi in ostaggio. Funzionari sanitari palestinesi affermano che oltre 26.000 persone sono state uccise negli attacchi israeliani negli ultimi quattro mesi.

I palestinesi reagiscono durante una protesta contro gli insediamenti israeliani vicino a Nablus, nella Cisgiordania occupata, il 15 settembre 2023.
I palestinesi reagiscono durante una protesta contro gli insediamenti israeliani vicino a Nablus, nella Cisgiordania occupata, il 15 settembre 2023. (Raneen Sawafta/Reuters)

Joly ha detto a Barton che il Canada continua a impegnarsi nel trovare un modo per porre fine ai combattimenti e lavorare per una soluzione a lungo termine.

“Prima di tutto, dobbiamo ottenere l’accordo sugli ostaggi. Gli ostaggi devono tornare indietro ed essere rilasciati. Abbiamo bisogno di più aiuti umanitari a Gaza”, ha detto.

“E dobbiamo assicurarci che Hamas deponga le armi. E questo è il primo passo per garantire che alla fine si arrivi a un percorso in cui si possa avere una tregua più lunga, un cessate il fuoco sostenibile e, infine, un percorso molto più verso un conflitto a due.” -soluzione statale.”

Questa prospettiva è apparsa debole durante i mesi di guerra. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu lo ha detto esplicitamente ha dichiarato il suo rifiuto dell’idea a gennaio, suscitando aspre critiche da parte del Canada e di alleati come gli Stati Uniti. Il Dipartimento di Stato americano ha detto questa settimana che lo è considerando le opzioni riconoscere uno Stato palestinese all’indomani della guerra.

Joly ha affermato che è necessario un cambiamento da entrambe le parti per rendere possibile una pace a lungo termine.

“Abbiamo bisogno di un’Autorità Palestinese riformata. Abbiamo bisogno anche di avere un governo in Israele che sia disposto a fare l’importante lavoro per arrivare a questa soluzione a due Stati”.

Il ministro degli Esteri Mélanie Joly afferma che il Canada imporrà sanzioni ai coloni israeliani “estremisti” nei territori palestinesi, così come ai leader di Hamas. In un’intervista su Rosemary Barton dal vivo che andrà in onda domenica, Joly ha detto che il governo “ci sta lavorando attivamente” mentre lei prende parte a un tour in…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *