La canadese Simoneau vince l’argento nel nuoto artistico ai Campionati mondiali di nuoto

Sabato Jacqueline Simoneau ha posto fine a una lunga siccità di medaglie per il Canada.

La 27enne di Montreal si è assicurata una medaglia d’argento nel nuoto artistico nella categoria tecnica solista femminile ai Campionati mondiali di nuoto di Doha, in Qatar.

Simoneau, due volte olimpionico, ha concluso con 3.6866 punti dietro la medaglia d’oro Evangelia Platanioti della Grecia (272.9633). Il cinese Huiyan Xu ha preso il bronzo (262.3700).

L’ultima medaglia canadese nel nuoto artistico nella competizione è arrivata nel 2011 a Shangai, con un bronzo in un evento combinato che non fa più parte dei mondiali. Prima di ciò, il bronzo della quattro volte campionessa del Commonwealth Marie-Pier Boudreau Gagnon a Roma 2009 è stata l’ultima medaglia di nuoto artistico solista del Canada ai mondiali.

GUARDA | Simoneau nuota verso l’argento a Doha:

La canadese Jacqueline Simoneau nuota verso l’argento a Doha

Il canadese ha sfiorato l’oro nel programma tecnico artistico solista ai Campionati mondiali acquatici.

In altri risultati canadesi, Emma Finlin non è riuscita a guadagnare un posto ai Giochi Olimpici nonostante abbia realizzato la migliore corsa di 10 chilometri della sua giovane carriera.

La 18enne nativa di Edmonton si è classificata 24esima su 71 donne nella gara di 10 km in acque libere di sabato, finendo a soli 0,7 secondi dalla 23esima classificata Martha Sandoval del Messico, che si è guadagnata l’ultimo posto di qualificazione per le Americhe.

Il nuotatore olandese rivendica l’oro in acque libere

Quell’evento si è concluso con Sharon van Rouwendaal dei Paesi Bassi che ha rivendicato il titolo mondiale femminile in acque libere, battendo Maria de Valdes della Spagna con uno sprint furioso fino al traguardo.

Van Rouwendaal è arrivato primo ai Campionati mondiali di nuoto in un’ora, 57 minuti e 26,80 secondi, 1-10 di secondo davanti a de Valdes. Il bronzo è andato alla portoghese Angelica Andre, che era a 1,4 secondi dalla vincitrice.

Nell’ultimo dei sei giri attorno al porto vecchio di Doha, l’australiana Moesha Johnson è passata dal comando al quarto posto mentre van Rouwendaal ha mostrato il suo calcio finale negli ultimi 500 metri della corsa accidentata.

Van Rouwendaal è una stella di lunga data del circuito in acque libere. Ha vinto l’oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 e ha conquistato un argento ai Giochi di Tokyo tre anni fa.

In altre finali del secondo giorno dei primi campionati del mondo tenutisi in Medio Oriente, il tredicenne Huang Jianjie e Zhang Jiaqi hanno regalato alla Cina un oro nei tuffi nella gara mista dalla piattaforma sincronizzata di 10 metri.

La Cina, che ha vinto 12 dei 13 ori nei tuffi ai mondiali di Fukuoka, non ha partecipato ai primi due eventi venerdì, dando alle altre nazioni la possibilità di brillare.

Molti paesi hanno inviato squadre ridotte a Doha, che ospita i mondiali con un anno di ritardo a causa della pandemia di COVID-19. Questa tempistica collocava l’evento a soli cinque mesi dalle Olimpiadi di Parigi, la prima volta che i campionati si sono svolti nello stesso anno solare dei Giochi estivi.

Huang e il 19enne Zhang hanno riportato un po’ di normalità nella vasca dei tuffi, conquistando la vittoria con 353,82 punti. Zhang ha vinto l’oro a Fukuoka in questo evento mentre era in coppia con Wang Feilong.

Argento ai nordcoreani Jo Jin Mi e Im Yong Myong con il tempo di 303.96, mentre il bronzo è andato ai messicani Kevin Berlin Reyes e Alejandra Estudillo Torres con il tempo di 296.13.

Sabato Jacqueline Simoneau ha posto fine a una lunga siccità di medaglie per il Canada. La 27enne di Montreal si è assicurata una medaglia d’argento nel nuoto artistico nella categoria tecnica solista femminile ai Campionati mondiali di nuoto di Doha, in Qatar. Simoneau, due volte olimpionico, ha concluso con 3.6866 punti dietro la medaglia d’oro…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *