La madre dell’assassino in una scuola del Michigan è colpevole di omicidio colposo, secondo la giuria

Una giuria ha ritenuto Jennifer Crumbley, madre di uno che ha sparato in una scuola del Michigan, colpevole di quattro capi d’imputazione di omicidio colposo.

I pubblici ministeri hanno affermato che Crumbley è stata gravemente negligente e avrebbe potuto prevedere la violenza prima che suo figlio aprisse il fuoco alla Oxford High School il 30 novembre 2021.

I verdetti di colpevolezza – uno per ogni studente ucciso – sono stati emessi martedì dopo circa 11 ore di deliberazioni della giuria.

I pubblici ministeri affermano che Crumbley aveva il dovere, secondo la legge del Michigan, di impedire a suo figlio, Ethan, che all’epoca aveva 15 anni, di danneggiare gli altri. È accusata di non aver messo al sicuro una pistola e delle munizioni a casa e di non aver ottenuto aiuto per la salute mentale di suo figlio.

La pistola – una pistola da 9 mm – era stata acquistata solo quattro giorni prima durante il Black Friday da suo padre, James Crumbley. Jennifer Crumbley portò suo figlio al poligono di tiro quello stesso fine settimana.

“Sei l’ultimo adulto a possedere quella pistola”, ha detto il procuratore aggiunto Marc Keast durante il controinterrogatorio di Jennifer Crumbley la scorsa settimana. “Hai visto tuo figlio sparare nell’ultimo round di allenamento prima della sparatoria (a scuola) del 30 novembre. Hai visto come stava… Sapeva come usare la pistola.”

La madre dell’adolescente ha risposto: “Sì, l’ha fatto”.

La giuria, composta da sei uomini e sei donne, comprendeva persone che possiedono armi da fuoco o che sono cresciute con queste armi nella loro casa. Hanno detto che potevano mettere da parte le loro opinioni sulle armi e servire in modo equo.

Il giudice della contea di Oakland Cheryl Matthews ha ringraziato i giurati e ha detto: “Sappiamo tutti che questa è stata una delle cose più difficili che abbiate mai fatto”.

Il giudice Cheryl Matthews parla con il procuratore aggiunto Marc Keast e il procuratore della contea di Oakland Karen McDonald, lunedì 5 febbraio 2024 a Pontiac, Michigan.
Il giudice Cheryl Matthews, al centro, parla lunedì in tribunale con il procuratore aggiunto Marc Keast e il procuratore della contea di Oakland Karen McDonald. (Carlos Osorio/Associated Press)

Jennifer Crumbley riceverà credito per circa due anni e mezzo nella prigione della contea quando tornerà in tribunale per la sentenza il 9 aprile. Il giudice fisserà la pena detentiva minima, sulla base delle linee guida per il punteggio e di altri fattori.

Spetterà al Parole Board del Michigan determinare per quanto tempo rimarrà effettivamente in prigione. Il termine massimo per l’omicidio colposo è di 15 anni. I pubblici ministeri non hanno detto se chiederanno sentenze consecutive per le quattro condanne per omicidio colposo, che potrebbero significare un massimo di 60 anni se il giudice sarà d’accordo.

“Le grida sono state ascoltate e sento che questo verdetto echeggerà in ogni famiglia del paese”, ha detto ai giornalisti Craig Shilling, il padre della vittima Justin Shilling.

“Sento che è necessario e sono felice del verdetto. È ancora una situazione triste in cui trovarsi. Deve finire. È una responsabilità, ed è quello che chiediamo da molto tempo”, ha dichiarato. disse.

Un ordine di silenzio da parte del giudice ha impedito al pubblico ministero Karen McDonald e all’avvocato difensore Shannon Smith di parlare con i giornalisti.

Pistola, uomo ferito assegnato a un compito di matematica

La mattina della sparatoria, la scuola era preoccupata per un macabro disegno di una pistola, un proiettile e un uomo ferito sul compito di matematica di Ethan, accompagnato dalle parole: “I pensieri non si fermano. Aiutami”. Ma gli è stato permesso di restare a scuola dopo un breve incontro con i genitori, che non lo hanno riportato a casa.

Quel pomeriggio l’adolescente estrasse la pistola dallo zaino e sparò a 10 studenti e a un insegnante, uccidendo quattro studenti. Nessuno aveva controllato il suo zaino.

Crumbley, 45 anni, ha detto ai giurati che non avrebbe fatto nulla di diverso, ma avrebbe voluto che suo figlio “ci avesse invece ucciso”. Ha negato che avesse problemi di salute mentale.

Messaggi scritti a mano vengono lasciati nel luogo della memoria martedì 7 dicembre 2021, fuori dalla Oxford High School di Oxford, Michigan.
Messaggi scritti a mano vengono lasciati in un luogo commemorativo fuori dalla Oxford High School di Oxford, nel Michigan. Nel novembre 2021, un quindicenne ha ucciso quattro studenti e ne ha feriti altri sette in una sparatoria nella scuola della contea settentrionale di Oakland. (Jake May/The Flint Journal/Associated Press)

“Parlavamo. Abbiamo fatto molte cose insieme”, ha testimoniato. “Mi fidavo di lui e sentivo di avere una porta aperta. Poteva venire da me per qualsiasi cosa.”

Ma in un diario trovato dalla polizia, Ethan ha scritto che i suoi genitori non avrebbero ascoltato le sue richieste di aiuto.

“Non ho alcun aiuto per i miei problemi mentali e questo mi sta facendo andare su tutte le furie… a scuola”, ha scritto.

Jennifer e James Crumbley sono i primi genitori negli Stati Uniti ad essere accusati di una sparatoria in una scuola commessa dal loro figlio. James, 47 anni, sarà processato a marzo con le stesse accuse di omicidio colposo.

Ethan, che ora ha 17 anni, sta scontando l’ergastolo per omicidio e terrorismo dopo essersi dichiarato colpevole delle accuse nell’ottobre 2022.

Una giuria ha ritenuto Jennifer Crumbley, madre di uno che ha sparato in una scuola del Michigan, colpevole di quattro capi d’imputazione di omicidio colposo. I pubblici ministeri hanno affermato che Crumbley è stata gravemente negligente e avrebbe potuto prevedere la violenza prima che suo figlio aprisse il fuoco alla Oxford High School il 30…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *