La madre di uno che ha sparato a scuola è stata condannata per omicidio colposo. Cosa significa questo per gli altri casi?

Una madre del Michigan potrebbe rischiare fino a 60 anni di prigione dopo che una giuria l’ha condannata martedì per quattro capi d’accusa di omicidio colposo, dopo che suo figlio adolescente aveva ucciso quattro studenti in una sparatoria in una scuola nel 2021.

I pubblici ministeri hanno sostenuto che la legge del Michigan obbligava Jennifer Crumbley a impedire al figlio allora quindicenne, Ethan, di fare del male agli altri, e la giuria nel caso ha concordato.

Ora 17enne, Ethan sta scontando una condanna all’ergastolo dopo essersi dichiarato colpevole di accuse di omicidio e terrorismo nell’ottobre 2022. (Suo padre, James Crumbley, avrà il suo processo per omicidio colposo a marzo.)

La condanna di Jennifer Crumbley è il primo verdetto di questo genere in un caso di sparatoria in una scuola americana, e solleva interrogativi sulla misura in cui un genitore può essere ritenuto responsabile delle azioni criminali del proprio figlio. Gli esperti legali affermano che potrebbe avere implicazioni più ampie per il sistema di giustizia penale statunitense.

L’avvocato penalista di Detroit Michael Bullotta ritiene che il verdetto di omicidio colposo della giuria sia stato “un esagerazione”, affermando che pensava che il processo si sarebbe concluso con un verdetto di non colpevolezza o con una giuria sospesa.

“Ho un problema con il concetto legale secondo cui i genitori inducono i loro figli a commettere crimini essendo cattivi genitori”, ha detto. “Questo è ciò che penso rappresenti questo caso e questa è la parte pericolosa.”

“La legge è cambiata un po’ oggi”, ha detto Ekow N. Yankah, professore di diritto presso l’Università del Michigan ad Ann Arbor, Michigan. “Che questo costituisca o meno un precedente in casi spettacolari, ciò avrà un effetto importante nei casi che mai visto.”

GUARDA | Perché una giuria del Michigan ha condannato una madre per un caso di sparatoria a scuola:

La madre dell’assassino in una scuola del Michigan giudicata colpevole di omicidio colposo

Una giuria ha ritenuto Jennifer Crumbley, la madre di uno che ha sparato in una scuola nel Michigan, colpevole di quattro capi d’imputazione di omicidio colposo. È stata accusata di non aver messo al sicuro un’arma e delle munizioni a casa e di non aver ricevuto aiuto per i problemi di salute mentale di suo figlio.

Un modo per respingere

Questa non è la prima volta negli Stati Uniti che i genitori vengono accusati di un caso di violenza armata che coinvolge i loro figli.

La madre di un bambino di sei anni in Virginia che l’anno scorso ha portato a scuola una pistola semiautomatica nove millimetri e ha sparato al suo insegnante, sta scontando una pena Condanna a 21 mesi di reclusione su varie condanne per reati legati ad armi da fuoco. È stata condannata separatamente a novembre a due anni di carcere per reato di negligenza infantile.

C’è anche il caso di un padre dell’Illinois che dichiarato colpevole lo scorso autunno a sette capi d’accusa di condotta criminale per aver firmato una carta d’identità statale di proprietario di armi da fuoco per suo figlio, nonostante le preoccupazioni sul suo comportamento. Suo figlio all’epoca era minorenne, ma gli fu permesso legalmente di possedere un’arma da fuoco tre anni dopo, quando fu accusato di aver ucciso sette persone in una sparatoria di massa durante una parata del 4 luglio nel 2022.

Nel caso di Jennifer Crumbley, i pubblici ministeri hanno sostenuto che, anche se lei non ha premuto il grilletto, ha conservato la pistola e le munizioni in modo negligente e dovrebbe essere ritenuta penalmente responsabile delle quattro morti.

I pubblici ministeri hanno anche detto che lei e suo marito sapevano che Ethan era mentalmente in una “spirale discendente” e rappresentava un pericolo per gli altri, ma gli hanno permesso l’accesso alle armi da fuoco, inclusa la pistola da nove millimetri che avevano acquistato come regalo di Natale e che è stata usata per uccidere suo marito. compagne di classe.

Jennifer Crumbley ha testimoniato in sua difesa, dicendo che suo marito era responsabile della custodia sicura delle armi da fuoco nella casa di famiglia e che mentre suo figlio era ansioso di entrare al college e di cosa avrebbe fatto della sua vita, lei non pensava che i suoi problemi meritassero vedere uno psichiatra.

Una foto segnaletica di un uomo con la barba corta che indossa una tuta blu scuro accanto a una foto segnaletica di una donna che indossa una tuta rossa.
James Crumbley, a sinistra, e Jennifer Crumbley, i genitori di Ethan Crumbley, condannato per aver sparato alla scuola, sono visti in foto di prenotazione non datate fornite dall’ufficio dello sceriffo della contea di Oakland. Entrambi sono stati accusati di omicidio colposo nel dicembre 2022, giorni dopo che il loro figlio aveva ucciso quattro persone e ne aveva ferite altre sette. (Ufficio dello sceriffo della contea di Oakland/Associated Press)

Yankah non è stato del tutto sorpreso che il pubblico ministero abbia preso l’iniziativa di portare avanti un’accusa così grave contro il genitore di un bambino che ha commesso un omicidio di massa.

“Viviamo in un paese dove ci sono troppe sparatorie nelle scuole”, ha detto.

Nel primo mese del 2024, ad esempio, ci sono state sette sparatorie nelle scuole negli Stati Uniti che hanno provocato morti o feriti, secondo il monitoraggio del sito Settimana dell’educazione. Il sito conteggiato 38 sparatorie di questo tipo lo scorso anno e 51 nel 2022.

“Ogni volta che (queste sparatorie) distruggono una comunità, qualche pubblico ministero potrebbe voler alzarsi e dire: ‘Questo è il mio modo di reagire in un paese in cui non abbiamo altri strumenti legali per respingere le sparatorie nelle scuole'” Yankah ha detto.

I sostenitori della sicurezza delle armi hanno elogiato la giuria per aver intrapreso un’azione del genere.

Josh Horwitz, co-direttore del Center for Gun Violence Solutions, parte della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, Maryland, ha detto a Reuters che la condanna di Jennifer Crumbley ha dimostrato che “la giuria ha capito che nell’America di oggi, l’acquisto di una pistola per un adolescente problematico è stato gravemente negligente e ha messo a rischio la comunità.”

ASCOLTARE | Rapporto feroce sulla risposta della polizia alla sparatoria nella scuola di Uvalde, Texas:

Come succede6:17Il rapporto sulla sparatoria di Uvalde rivendica le famiglie colpite dal dolore. Ma quello che vogliono veramente è l’azione

Un feroce rapporto federale sulla sparatoria di massa avvenuta due anni fa in una scuola elementare a Uvalde, in Texas, ha rilevato che le forze dell’ordine hanno mostrato un’allarmante mancanza di coordinamento, leadership e urgenza. “È una rivendicazione. È qualcosa che sappiamo da sempre”, ha detto al conduttore di As It Happens Nil Köksal Kimberly Mata-Rubio, la cui figlia Lexi di 10 anni è stata uccisa nella sparatoria.

Condannato per cattiva genitorialità?

Bullotta ha affermato che, secondo la legge del Michigan, una condanna per omicidio colposo richiede una causa prossima: che le azioni dell’imputato siano sufficientemente correlate alla causa della morte.

Ma ha detto che Jennifer Crumbley è stata condannata per ciò che non ha fatto per impedire la sparatoria. Bullotta dubita che avrebbe previsto che suo figlio avrebbe scatenato una sparatoria a scuola, indipendentemente dalla sua percepita negligenza.

Pensa che il verdetto di martedì potrebbe “ispirare altri procedimenti giudiziari mal concepiti” e che ci potrebbe essere l’aspettativa che gli uffici della procura esaminino approfonditamente se i genitori debbano o meno essere accusati ogni volta che avviene una sparatoria in una scuola.

Isabel Grant, professoressa di diritto dell’Università della British Columbia, ha affermato che è possibile che un genitore in Canada possa affrontare un’accusa di omicidio colposo in relazione all’omicidio commesso dal proprio figlio, sebbene non sia a conoscenza di casi del genere in questo paese.

Ha detto che l’accusa di omicidio colposo è “un reato molto ampio” che potrebbe applicarsi in alcune situazioni, anche se i genitori in Canada non sono generalmente ritenuti responsabili dei crimini commessi dai loro figli.

“Se violi un dovere che ti spetta per legge e ciò causa una morte, se la tua condotta si discosta in modo marcato e sostanziale da quella di un genitore ragionevole date le circostanze, puoi essere ritenuto responsabile di quella morte”, ha detto Grant. “Non è che sei ritenuto responsabile per ciò che ha fatto tuo figlio. Sei ritenuto responsabile per ciò che hai fatto.”

Una persona si inginocchia sull'erba coperta di neve accanto a una collezione di animali imbalsamati davanti a un cartello scolastico su cui sono posati mazzi di fiori.
Un sostenitore si inginocchia per pregare in un memoriale alla Oxford High School di Oxford, nel Michigan, il 1 dicembre 2021, il giorno dopo che Ethan Crumbley ha aperto il fuoco nella scuola. (Paul Sancya/Associated Press)

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore

Yankah dice che gli effetti reali della condanna di Jennifer Crumbley potrebbero manifestarsi in casi che non vengono mai processati ma finiscono con un patteggiamento, che spesso non raccoglie lo stesso grado di attenzione di un caso come quello di Crumbley.

Crede che questo precedente sia qualcosa che i pubblici ministeri “avranno in tasca” da far passare come una minaccia di condanna e convincere gli imputati a dichiararsi colpevole.

Uno studio condotto l’anno scorso dall’American Bar Association ha rilevato che quasi 98 per cento delle condanne erano il risultato di dichiarazioni di colpevolezza.

Yankah ha affermato che un precedente legale come questo potrebbe avere maggiori probabilità di influenzare i neri e altre persone di colore nel sistema di giustizia penale.

Ha fatto l’esempio di una legge sull’abbandono scolastico in California che espone i genitori al rischio di dover affrontare multe salate o addirittura il carcere se il loro figlio è cronicamente assente da scuola senza motivo. Ma rapporti hanno dimostrato che esistevano disparità razziali e socioeconomiche quando si tratta di assenze ingiustificate, suggerendo che le persone appartenenti a questi gruppi potrebbero essere penalizzate in modo sproporzionato.

“Ogni volta che aggiungiamo nuovi strumenti e leggi penali in America, ci si preoccupa che – (e) i nostri esperimenti falliti del passato ce lo insegnano – saranno rivolti ai più vulnerabili politicamente”, ha detto Yankah.

OROLOGIO | I genitori della sparatoria nella scuola di Sandy Hook continuano a combattere per il controllo delle armi:

10 anni dopo Sandy Hook, il cambiamento nel controllo delle armi rimane sfuggente

Si prevedeva che la sparatoria di massa alla scuola elementare Sandy Hook di Newtown, nel Connecticut, sarebbe stata un punto di svolta per il controllo delle armi negli Stati Uniti. Dieci anni dopo, quel cambiamento resta sfuggente, ma i genitori delle vittime sono determinati a continuare a combattere.

(tagToTranslate)Condanna

Una madre del Michigan potrebbe rischiare fino a 60 anni di prigione dopo che una giuria l’ha condannata martedì per quattro capi d’accusa di omicidio colposo, dopo che suo figlio adolescente aveva ucciso quattro studenti in una sparatoria in una scuola nel 2021. I pubblici ministeri hanno sostenuto che la legge del Michigan obbligava Jennifer…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *