Le malattie cardiache colpiscono prima e più duramente gli asiatici del sud. Le riparazioni dei vasi sanguigni offrono indizi sul perché: studiare

La tempistica delle malattie cardiache è accelerata nelle persone di etnia dell’Asia meridionale, e parte della risposta potrebbe risiedere in riparazioni difettose dei danni ai vasi sanguigni, suggerisce un nuovo studio canadese.

Le malattie cardiovascolari colpiscono il cuore e i vasi sanguigni e possono rendere necessario un intervento chirurgico di bypass e altri trattamenti.

I ricercatori avevano precedentemente stimato che le persone provenienti dal subcontinente indiano – tra cui India, Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka e più di 50 altre origini dell’Asia meridionale, che rappresentano un quarto della popolazione mondiale – contraevano malattie cardiovascolari circa 5-10 anni prima rispetto ai pazienti bianchi europei. che i loro tassi di mortalità sono più alti dopo un attacco di cuore.

Nel numero di lunedì del Giornale dell’American College of Cardiologyricercatori provenienti da Canada, Stati Uniti e Irlanda riferiscono che i pazienti dell’Asia meridionale con malattie cardiache o diabete avevano meno cellule rigenerative e riparative vascolari rispetto ai pazienti bianchi.

I risultati “suggeriscono che c’è qualcosa di unico negli individui dell’Asia meridionale che li mette davvero a rischio, in parte a causa della loro incapacità di organizzare una risposta riparativa adeguata”, ha detto il coautore dello studio Dr. Subodh Verma, cardiochirurgo del St. Michael’s Hospital. a Toronto e professore all’Università di Toronto.

Lo studio ha confrontato 60 adulti che si autoidentificavano come asiatici del sud con 60 europei bianchi ricoverati in cliniche di assistenza primaria o ambulatoriali di cardiologia nell’area di Toronto con malattie cardiovascolari documentate o diabete accertato, con almeno un fattore di rischio per malattie cardiache.

Un uomo che indossa un camice da laboratorio sopra un camice a sinistra e un altro uomo che indossa una giacca nera sopra una camicia a righe blu a sinistra.
Il dottor Subodh Verma, a sinistra, è un cardiochirurgo presso il St. Michael’s Hospital e professore all’Università di Toronto. David Hess è uno scienziato affiliato al St. Michael’s Hospital e professore nel dipartimento di fisiologia e farmacologia della Western University di Londra, Ontario. (Unità Sanitaria Toronto)

Cellule staminali notevolmente ridotte

David Hess, uno scienziato affiliato al St. Michael’s Hospital e professore presso il dipartimento di fisiologia e farmacologia della Western University di Londra, Ontario, ha trovato un modo per esaminare le cellule del sangue provenienti da campioni di pazienti e utilizzare diversi marcatori per individuare le staminali chiave cellule.

“Ci sono tre diversi tipi che esaminiamo, e i due tipi più importanti di cellule staminali erano notevolmente ridotti nei soggetti dell’Asia meridionale rispetto ai soggetti bianchi europei”, ha detto Hess. “Ciò suggerirebbe o indicherebbe che avrebbero una ridotta capacità di riparare e rigenerare i vasi sanguigni in risposta al diabete.”

Quando Verma, Hess e i loro coautori hanno preso in considerazione fattori di rischio come peso, età, sesso e obesità nella loro analisi, hanno comunque riscontrato una carenza nel processo di riparazione.

Il dottor Jaideep Patel, un cardiologo preventivo canadese presso il Johns Hopkins Hospital di Baltimora, non coinvolto nell’ultimo studio, faceva parte di un gruppo di esperti nel 2023 sulla gestione della malattia cardiovascolare aterosclerotica nelle popolazioni dell’Asia meridionale negli Stati Uniti

“Presi insieme, i risultati di questo studio rimangono nuovi”, ha detto Patel in una e-mail, elogiando gli autori per i loro sforzi.

“L’orologio per il rischio cardiovascolare viene accelerato”

Patel ha affermato che, al di là delle dimensioni ridotte del campione, un limite importante dello studio è che non ha incluso partecipanti sani, quindi non è noto se la presenza di malattia cardiovascolare aterosclerotica o altri fattori di rischio influenzino le cellule staminali in modo diverso.

Sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare che il livello più basso di cellule staminali causa vasi sanguigni più deboli e un aumento del rischio di complicanze cardiache.

GUARDA | Una donna in Canada muore di malattie cardiache ogni 22 minuti:

Ciò che le donne devono sapere sulle malattie cardiache

In Canada una donna muore di malattie cardiache ogni 22 minuti e la maggior parte non è costretta a farlo. Ioanna Roumeliotis della CBC esplora il motivo per cui così tante donne sono sottodiagnosticate e cosa possono fare per proteggersi.

Per ora, ha detto Verma, è importante che tutti siano consapevoli dei propri fattori di rischio, inclusa la storia familiare o quei fattori di rischio che acquisiscono, come il fumo, il diabete, la scarsa attività fisica, lo stress elevato, l’ipertensione o la pressione alta.

“L’orologio del rischio cardiovascolare è accelerato negli asiatici del sud”, ha detto.

Patel ha aggiunto all’elenco fattori di rischio specifici per le donne, come la sindrome dell’ovaio policistico, l’ipertensione gestazionale e il diabete gestazionale.

Quelli a rischio più elevato possono essere più vigili, hanno suggerito entrambi i medici.

Gli autori dello studio sperano poi di verificare se la differenza biologica che hanno scoperto possa essere utilizzata per identificare le persone a rischio precoce e verificare se esistono trattamenti specifici che possono essere somministrati prima.

Lo studio è stato finanziato dalla Heart and Stroke Foundation of Canada e dal Canadian Institutes of Health Research.

La tempistica delle malattie cardiache è accelerata nelle persone di etnia dell’Asia meridionale, e parte della risposta potrebbe risiedere in riparazioni difettose dei danni ai vasi sanguigni, suggerisce un nuovo studio canadese. Le malattie cardiovascolari colpiscono il cuore e i vasi sanguigni e possono rendere necessario un intervento chirurgico di bypass e altri trattamenti. I…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *