Le persone detenute durante la protesta russa chiedono il ritorno delle truppe dall’Ucraina | Notizie sulla guerra Russia-Ucraina

Circa due dozzine di persone, per lo più giornalisti, sono state brevemente detenute durante una protesta nel centro di Mosca, mentre le mogli e altri parenti dei militari russi mobilitati per combattere in Ucraina chiedevano il loro ritorno, secondo quanto riportato dai media.

I parenti dei soldati si sono riuniti sabato per deporre fiori presso la Tomba del Milite Ignoto, appena fuori dalle mura del Cremlino. Sono trascorsi 500 giorni da quando il presidente russo Vladimir Putin, nel settembre 2022, ha ordinato una “mobilitazione parziale” di un massimo di 300.000 riservisti nella guerra di Mosca contro l’Ucraina.

La convocazione è stata ampiamente impopolare e mogli e parenti di alcuni riservisti hanno fatto una campagna affinché venissero congedati e sostituiti con soldati a contratto.

La manifestazione di sabato è stata organizzata da uno di questi gruppi, The Way Home, che venerdì ha postato su Telegram invitando “mogli, madri, sorelle e figli” di riservisti provenienti da tutta la Russia a venire a Mosca per “dimostrare la (loro) unità”.

“Vogliamo indietro i nostri mariti vivi”, dice una delle manifestanti, che ha dato il suo nome solo come Antonina per paura di ritorsioni, in un video pubblicato dal quotidiano indipendente russo SOTAvision.

Antonina ha insistito di non volere un risarcimento da parte del governo russo se suo marito fosse stato ucciso, e ha detto che invece “o andrebbe in convento o lo seguirebbe”.

Evento “non autorizzato”.

La manifestazione di sabato è stata il nono e il più grande di incontri settimanali simili organizzati da The Way Home. Un popolare canale di notizie russo Telegram ha stimato che fossero presenti circa 200 persone.

L’agenzia di stampa Reuters ha riferito che circa 20 persone sono state arrestate e poi rilasciate durante la protesta, tra cui un giornalista della Reuters che stava seguendo la storia e un giornalista video dell’AFP.

Secondo OVD-Info, un sito web indipendente che monitora gli arresti politici in Russia, la polizia ha arrestato 27 persone durante la protesta, per lo più giornalisti.

La polizia aveva arrestato il gruppo di giornalisti russi e stranieri – tutti uomini – fuori dalla Piazza Rossa e li aveva portati in una stazione di polizia.

Secondo la SOTA, la maggior parte è stata successivamente rilasciata, sebbene sabato sera un manifestante fosse ancora in detenzione.

Inoltre, un certo numero di persone sono state detenute anche in altri luoghi nel centro di Mosca, anche loro per protestare contro la mobilitazione, ha detto OVD-Info.

Gli alleati del nemico del Cremlino incarcerato Alexey Navalny e del politico dell’opposizione russa Maksim Kats hanno espresso sostegno alla protesta venerdì, mentre l’ufficio del procuratore di Mosca sabato mattina ha avvertito i russi di non partecipare a “eventi di massa non autorizzati”.

“Una grande tragedia”

Le richieste di mogli e parenti di riportare a casa i riservisti russi mobilitati sono state ignorate dai media controllati dallo Stato, e alcuni politici filo-Cremlino hanno cercato di considerarli tirapiedi occidentali. I manifestanti sabato hanno respinto con rabbia l’accusa.

Maria Andreyeva, il cui marito e fratello stanno combattendo in Ucraina, ha detto a SOTAvision di vedere i combattimenti in Ucraina come “una grande tragedia accaduta tra due popoli fratelli”.

“Quasi tutti i russi hanno parenti in Ucraina, vicini e lontani, quindi… questa è una situazione che ci ha colpito nel profondo. Dopo la seconda guerra mondiale, ci è sembrato che i nostri nonni fossero morti in modo che non ci fosse mai un altro (conflitto)”, ha detto Andreeva.

La protesta di sabato è arrivata settimane prima delle elezioni presidenziali russe, previste per marzo, che Putin è quasi sicuro di vincere.

Dopo che Andreyeva e altri hanno deposto fiori al monumento, si sono diretti al quartier generale della campagna di Putin per presentargli le loro richieste.

Il mese scorso, un altro candidato alla presidenza russa ha incontrato Andreyeva e i parenti di altri soldati che facevano campagna per il loro ritorno. L’ex deputato locale Boris Nadezhdin, che si oppone apertamente alla guerra in Ucraina, ha criticato la decisione del Cremlino di mantenerli nelle file finché continuano i combattimenti.

“Vogliamo che le autorità trattino le persone che fanno il loro dovere in modo dignitoso”, ha detto Nadezhdin.

(tagToTranslate)Notizie

Circa due dozzine di persone, per lo più giornalisti, sono state brevemente detenute durante una protesta nel centro di Mosca, mentre le mogli e altri parenti dei militari russi mobilitati per combattere in Ucraina chiedevano il loro ritorno, secondo quanto riportato dai media. I parenti dei soldati si sono riuniti sabato per deporre fiori presso…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *