L’ereditiera del giornale Patty Hearst fu rapita 50 anni fa. Adesso è famosa per i suoi cani

LOS ANGELES (AP) – Ereditiera del giornale Patricia “Patty” Hearst era rapito sotto la minaccia delle armi Domenica 50 anni fa da parte dell’Esercito di Liberazione Simbionese, un gruppo rivoluzionario armato poco conosciuto. Il famigerato rapimento della studentessa universitaria diciannovenne a Berkeley, in California, portò Hearst a unire le forze con i suoi rapitori per una rapina in banca del 1974 che le valse una pena detentiva.

Hearst, nipote del ricco magnate dei giornali William Randolph Hearst, compirà 70 anni il 20 febbraio. Ora è conosciuta come Patricia Hearst Shaw dopo aver sposato un agente di polizia che la sorvegliava quando era fuori su cauzione. il defunto Bernard Shaw. Negli ultimi anni è stata nelle notizie per i suoi cani, per lo più bulldog francesi, che hanno vinto premi alla mostra canina del Westminster Kennel Club.

La fedeltà di Hearst all’Esercito di Liberazione Simbionese ha sollevato interrogativi sindrome di Stoccolmaun termine comune utilizzato per descrivere il legame che le vittime di rapimenti o di ostaggi a volte sviluppano con i loro rapitori.

La sindrome di Stoccolma prende il nome da un episodio dell’agosto 1973 rapina in banca fallita nella capitale della Svezia. Piuttosto che una diagnosi di un disturbo, gli esperti lo descrivono come un meccanismo di coping psicologico utilizzato da alcuni ostaggi per sopportare la prigionia e gli abusi.

Hearst, che nel gruppo si chiamava “Tania”, denunciò la sua famiglia e posò per una fotografia mentre trasportava un’arma davanti alla loro bandiera. I sedicenti radicali consideravano razzisti e oppressivi gli aspetti della società americana e furono accusati di aver ucciso un sovrintendente scolastico della California.

Come membro di una famiglia ricca e potente, Hearst è stato rapito per attirare l’attenzione sull’Esercito di liberazione simbionese, secondo l’FBI. Il gruppo ha chiesto donazioni di cibo e denaro per i poveri in cambio del rilascio di Hearst, sebbene sia rimasta prigioniera anche dopo che la sua famiglia ha riscosso il riscatto attraverso un programma di distribuzione alimentare di 2 milioni di dollari.

Hearst ha preso parte alla rapina del gruppo ad una banca di San Francisco il 15 aprile 1974. Le telecamere di sorveglianza l’hanno catturata mentre brandiva un fucile d’assalto durante il crimine.

Non fu arrestata finché l’FBI non la raggiunse il 18 settembre 1975 a San Francisco, 19 mesi dopo il suo rapimento.

Il suo processo è stato uno dei più sensazionali di quel decennio. Il pubblico ministero ha riprodotto una registrazione dalla cella di prigione di Hearst che parlava con un’amica in cui era fiduciosa, imprecando e pienamente consapevole del suo ruolo con l’Esercito di liberazione simbionese.

Mentre Hearst fu condannata a sette anni di prigione, il presidente Jimmy Carter commutò la sua condanna nel 1979 dopo aver scontato 22 mesi dietro le sbarre. Successivamente è stata graziata dal presidente Bill Clinton.

(tagToTranslate)William Randolph Hearst

LOS ANGELES (AP) – Ereditiera del giornale Patricia “Patty” Hearst era rapito sotto la minaccia delle armi Domenica 50 anni fa da parte dell’Esercito di Liberazione Simbionese, un gruppo rivoluzionario armato poco conosciuto. Il famigerato rapimento della studentessa universitaria diciannovenne a Berkeley, in California, portò Hearst a unire le forze con i suoi rapitori per…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *