Meta etichetterà le immagini generate dall’intelligenza artificiale di OpenAI, Google e altre società

Meta Platforms inizierà a rilevare ed etichettare le immagini generate dai servizi di intelligenza artificiale di altre società nei prossimi mesi, utilizzando una serie di marcatori invisibili integrati nei file, ha detto martedì il suo massimo dirigente politico.

Meta applicherà le etichette a qualsiasi contenuto recante i marcatori pubblicato sui suoi servizi Facebook, Instagram e Threads, nel tentativo di segnalare agli utenti che le immagini – che in molti casi assomigliano a foto reali – sono in realtà creazioni digitali, ha spiegato il presidente della società globale. affari, Nick Clegg, ha scritto in un post sul blog.

L’azienda etichetta già tutti i contenuti generati utilizzando i propri strumenti di intelligenza artificiale.

Una volta che il nuovo sistema sarà operativo, Meta farà lo stesso per le immagini create sui servizi gestiti da OpenAI, Microsoft, Adobe, Midjourney, Shutterstock e Google di Alphabet, ha affermato Clegg.

L’annuncio fornisce un primo sguardo a un sistema emergente di standard che le aziende tecnologiche stanno sviluppando per mitigare i potenziali danni associati alle tecnologie di intelligenza artificiale generativa, che possono sputare contenuti falsi ma dall’apparenza realistica in risposta a semplici richieste.

L’approccio si basa su un modello stabilito negli ultimi dieci anni da alcune delle stesse aziende per coordinare la rimozione dei contenuti vietati su tutte le piattaforme, comprese le rappresentazioni di violenza di massa e sfruttamento minorile.

Tecnologia per l’etichettatura di audio e video ancora in fase di sviluppo

In un’intervista, Clegg ha detto a Reuters di essere fiducioso che le aziende possano etichettare in modo affidabile le immagini generate dall’intelligenza artificiale a questo punto, ma ha affermato che gli strumenti per contrassegnare i contenuti audio e video sono più complicati e ancora in fase di sviluppo.

“Anche se la tecnologia non è ancora del tutto matura, in particolare quando si tratta di audio e video, la speranza è di poter creare un senso di slancio e incentivo affinché il resto del settore segua”, ha affermato Clegg.

GUARDA | Come i video generati dall’intelligenza artificiale possono essere utilizzati come armi nelle elezioni:

Riesci a individuare il deepfake? Come l’intelligenza artificiale sta minacciando le elezioni

I video falsi generati dall’intelligenza artificiale vengono utilizzati per truffe e gag su Internet, ma cosa succede quando vengono creati per interferire nelle elezioni? Catharine Tunney della CBC spiega come la tecnologia può essere utilizzata come arma e verifica se il Canada è pronto per un’elezione deepfake.

Nel frattempo, ha aggiunto, Meta inizierà a richiedere alle persone di etichettare i propri contenuti audio e video alterati e applicherà sanzioni se non lo fanno. Clegg non ha descritto le sanzioni.

Ha aggiunto che al momento non esiste un meccanismo praticabile per etichettare il testo scritto generato da strumenti di intelligenza artificiale come ChatGPT.

“Quella nave è salpata”, disse Clegg.

Un portavoce di Meta ha rifiutato di dire se la società applicherà etichette ai contenuti generati dall’intelligenza artificiale condivisi sul suo servizio di messaggistica crittografata WhatsApp.

Lunedì il comitato di supervisione indipendente di Meta ha rimproverato la politica della società sui video manipolati in modo fuorviante, affermando che era troppo ristretta e che il contenuto dovrebbe essere etichettato anziché rimosso. Clegg ha detto di essere ampiamente d’accordo con queste critiche.

Il consiglio aveva ragione, ha detto, che la politica esistente di Meta “semplicemente non è adatta allo scopo in un ambiente in cui si avranno molti più contenuti sintetici e ibridi rispetto a prima”.

Ha citato la nuova partnership sull’etichettatura come prova del fatto che Meta si stava già muovendo nella direzione proposta dal consiglio.

Meta Platforms inizierà a rilevare ed etichettare le immagini generate dai servizi di intelligenza artificiale di altre società nei prossimi mesi, utilizzando una serie di marcatori invisibili integrati nei file, ha detto martedì il suo massimo dirigente politico. Meta applicherà le etichette a qualsiasi contenuto recante i marcatori pubblicato sui suoi servizi Facebook, Instagram e…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *