Nayib Bukele è pronto a guidare per anni in El Salvador dopo aver ignorato i limiti di mandato

Nayib Bukele ha esultato domenica sera a San Salvador, dicendo ai sostenitori esultanti di attendere con ansia ciò che il suo governo farà “nei prossimi cinque anni” dopo una schiacciante vittoria elettorale.

Nessun altro presidente salvadoregno moderno ha ricevuto i “prossimi cinque anni”, poiché la costituzione lo proibiva finché Bukele non avesse manovrato per ricandidarsi.

Si prevede che il suo partito Nuevas Ideas otterrà la maggioranza dei seggi nella legislatura di El Salvador.

Bukele ha promosso in gran parte una drastica riduzione del tasso di criminalità violenta, che non molto tempo fa era tra i peggiori al mondo. Durante la campagna elettorale ha suscitato il timore di un ritorno ai tempi non così vecchi sostenendo che l’opposizione avrebbe “liberato i membri delle bande e li avrebbe usati per tornare al potere”.

La promessa

Bukele si è candidato alla presidenza nel 2019. All’età di 37 anni, era visto come un antidoto carismatico e appassionato a un paese che da allora era governato dal Fronte di liberazione nazionale Farabundo Marti (FMLN) di sinistra o dall’Alleanza repubblicana nazionalista conservatrice (ARENA). la fine della guerra civile nel 1992.

Il sindaco di San Salvador si è posizionato come un risolutore di problemi al di sopra della politica dogmatica, anche se non era del tutto estraneo a quella struttura del partito. Figlio di un palestinese che ha aperto il primo McDonald’s in franchising nel paese, Bukele è stato prima un venditore per l’FMLN come parte dell’azienda di pubbliche relazioni della sua famiglia, e poi un membro dell’FMLN finché non è stato espulso dopo essersi scontrato con i funzionari del partito.

“Un dittatore è un dittatore, di ‘destra’ o di ‘sinistra'”, ha scritto Bukele sui social media prima delle elezioni del 2019.

Come sindaco e presidente, ha interagito raramente con la stampa, ma ha comunicato attraverso i social media, dove ha promosso il Paese come un paradiso delle criptovalute.

ASCOLTA l’esperimento bitcoin di El Salvador:

26:34L’esperimento Bitcoin di El Salvador

Può una nazione – e un’economia – di 6,5 milioni di persone funzionare con bitcoin? Questo è l’esperimento in tempo reale che si sta svolgendo in El Salvador, dove il presidente del paese, fratello della tecnologia, ha reso legale la criptovaluta. Ti porteremo all’interno di El Salvador e ascolteremo la gente del posto per vedere come la promessa di un paradiso delle criptovalute da parte di un sedicente “dittatore più cool del mondo” si scontra con la realtà delle persone normali che cercano solo di sopravvivere. Con il giornalista investigativo Nelson Rauda con El Faro. Nota: questo episodio contiene un linguaggio esplicito.

Il primo termine

Le tendenze da uomo forte di Bukele hanno guadagnato per la prima volta un’attenzione diffusa a livello internazionale quando ha inviato forze di sicurezza armate e un ultimatum al parlamento all’inizio del 2020 per far approvare la sua legislazione sulla sicurezza.

Dopo i risultati positivi delle elezioni legislative del 2021, ha sostituito i giudici della Corte costituzionale con altri conformi, aprendo la strada alla candidatura per un altro mandato nonostante la costituzione lo vieti in sei posti diversi. Quei giudici hanno approvato la sua offerta per un altro mandato.

Soldati armati in mimetica vengono mostrati a guardia di un edificio che dice
Soldati sorvegliano l’assemblea legislativa a San Salvador il 9 febbraio 2020. Bukele ha dato un ultimatum di una settimana al parlamento per approvare un prestito per equipaggiare le forze di sicurezza del paese e combattere le bande criminali. (Marvin Recinos/AFP/Getty Images)

Le proteste sono state attenuate, poiché il tasso di omicidi nel paese è sceso da 103 ogni 100.000 persone nel 2015 a otto nel 2022. Dopo un periodo particolarmente sanguinoso nel marzo 2022, Bukele ha sospeso alcune libertà civili come parte di uno stato di emergenza nazionale, che rimane in vigore. effetto.

Secondo alcune stime, l’1,6% della popolazione è detenuta e quasi l’8% della popolazione maschile di età compresa tra 14 e 29 anni.

Preoccupazione internazionale

Nel suo ultimo rapporto riguardante il Paeserelativo al 2022, il Dipartimento di Stato americano ha espresso preoccupazione per quelle che ha definito “rapporti credibili” di violazioni dei diritti umani come arresti arbitrari, mancanza di giusto processo, tortura per mano delle forze di sicurezza e condizioni carcerarie pericolose per la vita.

Un gruppo di parlamentari democratici ha notato in una lettera al segretario di Stato americano Antony Blinken nel periodo precedente alle elezioni che i cittadini con doppia cittadinanza americano-salvadoregna sono stati ingiustamente coinvolti nello scontro tra bande.

Diverse persone sventolano bandiere mentre camminano per strada durante una protesta.  Alcuni indossano maschere sulla bocca.
Sebbene l’approccio anti-gang di Bukele sia stato popolare, c’è stata una certa opposizione alle sue tattiche. Gli studenti dell’Università di El Salvador tengono una manifestazione contro Bukele il 9 febbraio 2021. (Marvin Recinos/AFP/Getty Images)

Il vicepresidente di Bukele, Félix Ulloa, ha riconosciuto che il governo ha “commesso degli errori” detenendo migliaia di persone che non avevano commesso alcun crimine nei confronti dell’Associated Press durante la campagna, ma ha giustificato la repressione come se fosse per un bene superiore.

Alcuni credono che ci sia più di quanto sembri quando si tratta di questione della sicurezza pubblica, e che la punizione per i membri delle bande sia stata selettiva, anche in mezzo ai numeri sconcertanti di reclusione.

Juanita Goebertus, direttrice per le Americhe di Human Rights Watch, in testimonianza a un comitato del Congresso degli Stati Uniti a dicembre, ha affermato che Bukele stava impiegando due strategie logore e fallite viste nel paese in passato, sotto forma di “patti segreti con bande criminali e politiche di sicurezza dal pugno di ferro”.

Su quella nota, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti in un atto d’accusa del 2021 di due membri di bande di alto profilo hanno accusato il governo Bukele di fornire incentivi finanziari alle bande salvadoregne MS-13 e 18th Street Gang per garantire che gli episodi di violenza tra bande e il numero di omicidi confermati rimanessero bassi, in cambio del sostegno di Nuevos Ideas.

Giornalisti, oppositori politici e critici hanno subito molestie negli ultimi cinque anni. Un utente di Twitter è stato rapidamente arrestato dalla polizia nel 2022 dopo aver interrogato l’uso di una scorta di sicurezza del governo per Karim Bukele, il fratello del presidente, sulla spiaggia.

E a dicembre, l’amministrazione Biden ha espresso preoccupazione per l’arresto di quattro ex legislatori, tra cui Rubén Zamora, l’ex ambasciatore salvadoregno negli Stati Uniti

Il futuro

Bukele non si è impegnato quando gli è stato chiesto domenica se avrebbe cercato un terzo mandato, ma nelle Americhe leader autoritari come Nicolas Maduro in Venezuela e Daniel Ortega in Nicaragua sono riusciti a calpestare le leggi per rimanere al potere.

L’amministrazione Biden è preoccupata nel tentativo di reclutare alleati internazionali nelle guerre in Ucraina e Gaza e in tutto il Medio Oriente con rappresentanti iraniani, ma ha bisogno della cooperazione di El Salvador su alcune questioni, compreso il flusso di migranti verso il confine meridionale degli Stati Uniti.

Un DJ suona in una piazza all'aperto davanti a decine di persone in una scena notturna.  Una persona indossa una grande testa di plastica.
I sostenitori di Bukele hanno esultato domenica al Palazzo Nazionale dopo le elezioni presidenziali a San Salvador. (Jose Luis Gonzales/Reuters)

I 14 parlamentari democratici che hanno scritto a Blinken affermano che l’amministrazione Biden è stata “eccessivamente credulona nei confronti della candidatura alla rielezione del presidente Bukele”. Vogliono che il governo degli Stati Uniti condizioni l’assistenza alla sicurezza del paese in linea con le leggi sui diritti umani e fornisca una quota maggiore di finanziamenti umanitari ai partner non governativi, tra le altre misure.

Bukele si è fatto beffe sui social media, dicendo che era “onorato” di avere una tale opposizione.

Mentre i cittadini che hanno parlato con Associated Press e Reuters apprezzano il fatto di camminare per le strade in sicurezza, il Paese sta lottando economicamente, con una bassa crescita prevista del PIL per il 2024 e trattative in corso per un prestito statunitense di 1,3 miliardi di dollari da parte del Fondo monetario internazionale.

Nonostante la sua promozione del corso legale Bitcoin, secondo an Rapporto sulla fase elettorale della Reuters.

Anche la repressione della droga e delle bande criminali si è rivelata popolare tra ampi segmenti del pubblico recentemente nelle Filippine sotto l’ex presidente Rodrigo Duterte, ma ha anche sollevato il controllo internazionale. La Corte penale internazionale, un organismo a cui El Salvador si è unito in pompa magna appena tre anni prima che Bukele entrasse in carica, ha indagato su possibili crimini contro l’umanità, compreso l’omicidio, nella guerra alla droga del paese del sud-est asiatico.

Ma nelle strade di El Salvador dopo il voto di domenica, l’atmosfera era per lo più giubilante.

Sara Leon, 48 anni, che ha vissuto per anni negli Stati Uniti, non ha avuto altro che elogi per Bukele nei commenti all’Associated Press.

“Se è un dittatore, potremmo avere un dittatore per altri 100 anni”, ha detto.

Nayib Bukele ha esultato domenica sera a San Salvador, dicendo ai sostenitori esultanti di attendere con ansia ciò che il suo governo farà “nei prossimi cinque anni” dopo una schiacciante vittoria elettorale. Nessun altro presidente salvadoregno moderno ha ricevuto i “prossimi cinque anni”, poiché la costituzione lo proibiva finché Bukele non avesse manovrato per ricandidarsi.…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *