Nikki Haley, la principale rivale repubblicana di Trump, chiede protezione ai servizi segreti

La contendente repubblicana alle presidenziali Nikki Haley, l’ultima rivale rimasta di Donald Trump alle primarie, ha richiesto la protezione dei servizi segreti statunitensi, ha affermato lunedì la campagna.

Sebbene la campagna non abbia rivelato alcuna minaccia specifica che abbia spinto alla richiesta, Haley, l’ex ambasciatore americano presso le Nazioni Unite, è stato preso di mira in due incidenti di “schiacciamento”, una volta il 30 dicembre e una volta il 1 gennaio, secondo quanto riportato in precedenza da Reuters.

Negli ultimi giorni, i manifestanti che si opponevano al sostegno di Haley per un’ulteriore assistenza militare all’Ucraina o che sostenevano la candidatura di Trump hanno regolarmente interrotto o manifestato in prossimità dei suoi eventi nella Carolina del Sud.

Haley ha condotto una campagna nello stato, dove è stata governatrice dal 2011 al 2017, in vista delle primarie del 24 febbraio.

I servizi segreti spesso forniscono sicurezza ai principali candidati presidenziali, sia alle elezioni generali che a quelle primarie.

Secondo le normative federali, tale protezione deve essere autorizzata dal Segretario per la Sicurezza Nazionale in consultazione con il Comitato consultivo del Congresso, che è composto da cinque membri, tra cui i massimi democratici e repubblicani sia al Senato che alla Camera dei Rappresentanti.

Il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale non ha commentato immediatamente la richiesta di protezione di Haley, riportata per la prima volta dal Wall Street Journal.

Lo schiacciamento è la presentazione di false denunce alla polizia per innescare una risposta potenzialmente pericolosa da parte degli agenti. Gli esperti delle forze dell’ordine lo vedono come una forma di intimidazione o molestia che viene sempre più utilizzata per prendere di mira figure di spicco, compresi i funzionari coinvolti nelle cause civili e penali contro Trump.

GUARDA | Perché Nikki Haley piace ad alcune elettori donne:

Nikki Haley è uno spettacolo gradito per alcune donne che cercano un’alternativa a Donald Trump

Mentre le primarie del New Hampshire continuano a prepararsi verso il voto di martedì, alcune donne nello stato sono entusiaste di vedere un’altra donna come opzione alternativa a Donald Trump per essere il candidato presidenziale repubblicano.

Il Federal Bureau of Investigation stava monitorando una delle chiamate bufale che hanno portato all’incidente avvenuto nella casa di Haley nella Carolina del Sud a dicembre e intendeva aprire una “valutazione della minaccia”, secondo un’e-mail ottenuta da Reuters a gennaio.

Haley ha detto che i suoi genitori erano a casa durante l’incidente di dicembre.

Nella battaglia per sfidare il presidente democratico Joe Biden alle elezioni generali di novembre, Trump è in vantaggio su Haley di oltre 56 punti percentuali, secondo una media mantenuta dal sito di analisi dei sondaggi FiveThirtyEight. Nella Carolina del Sud, Trump è in vantaggio di circa 32 punti.

(tagToTranslate)Trump-s

La contendente repubblicana alle presidenziali Nikki Haley, l’ultima rivale rimasta di Donald Trump alle primarie, ha richiesto la protezione dei servizi segreti statunitensi, ha affermato lunedì la campagna. Sebbene la campagna non abbia rivelato alcuna minaccia specifica che abbia spinto alla richiesta, Haley, l’ex ambasciatore americano presso le Nazioni Unite, è stato preso di mira…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *