Noi studenti ebrei non dobbiamo tacere sul genocidio di Gaza | Opinioni

Il 5 dicembre 2023 mi sono unito ad altri studenti universitari ebrei fuori dal Congresso degli Stati Uniti per protestare contro una risoluzione confondere la critica a Israele con l’antisemitismo. I nostri appelli a respingere la risoluzione non sono stati ascoltati. Due settimane prima si è tenuta un’udienza in cui le nostre preoccupazioni sono state ancora una volta ignorate; solo i testimoni filo-israeliani furono chiamati a testimoniare.

A noi, ebrei progressisti, sembrano funzionari eletti che hanno sostenuto con orgoglio l’ex presidente Donald Trump dopo che questi si è rifiutato di condannare i neonazisti e ha cenato con loro. antisemiti valorizzare le nostre voci solo quando possono simbolizzare pochi eletti per raggiungere i loro obiettivi politici.

Confondere l’antisemitismo con la critica al moderno stato di apartheid è un pericoloso revisionismo storico. Ignora il fatto che, sin dalla concezione del sionismo, è sempre esistita una forte e diversificata opposizione ebraica ad esso. Per decenni, i movimenti ebraici progressisti hanno ritenuto il sionismo una pericolosa forma di nazionalismo, con alcuni sopravvissuti all’Olocausto che denunciavano apertamente le politiche sioniste.

Come innumerevoli altri ebrei, sono stato educato a credere nell’estensione della solidarietà, nella lotta all’oppressione e alla supremazia e nella difesa della santità della vita umana. La Torah afferma che tutte le persone sono rese B’tselem Elohim (a immagine di Dio), rendendo ogni vita sacra. Il Talmud insegna che salvare una singola vita significa salvare il mondo intero, comandando agli ebrei di tutto il mondo di lottare contro la perdita di vite umane ovunque. Questi insegnamenti guidano l’amore che ho per la mia fede e la mia cultura… e il dolore che provo ogni volta che vedo la distruzione causata dal sionismo.

L’esercito israeliano ha ucciso più di 27.000 Palestinesi dal 7 ottobre, tra cui più di 11.000 bambini. Delle decine di migliaia di bombe sganciate su Gaza – una delle aree più densamente popolate del mondo – quasi la metà erano “non guidate”. Israele ha ucciso indiscriminatamente palestinesi in attacchi illegali contro ospedali, rifugi scolastici gestiti dalle Nazioni Unite, ambulanze e vie di evacuazione civile. Interi quartieri in aree come Città di Gazacon una densità di popolazione maggiore rispetto a New York City, sono state rase al suolo.

Il governo israeliano afferma di lottare per distruggere Hamas. Tuttavia, le autorità israeliane sostengono da tempo il rafforzamento di Hamas, facilitando i pagamenti al gruppo e respingendo i rapporti dell’intelligence su un attacco pianificato al sud di Israele.

Ormai è più che chiaro che non si tratta di una lotta contro Hamas, ma piuttosto di un genocidio in atto. Israele sta affamando milioni di civili, privandoli illegalmente di cibo, acqua e forniture mediche. Sta distruggendo sistematicamente il sistema sanitario di Gaza, negando ai feriti e ai malati anche i servizi più basilari nel tentativo di rendere impossibile la sopravvivenza di milioni di palestinesi.

I funzionari israeliani chiedono apertamente che il destino dei civili palestinesi sia “più doloroso della morte” e lanciano un appello per la completa distruzione di Gaza. L’esercito israeliano ha persino ucciso il proprio popolo preso in ostaggio da Hamas, a chiara indicazione che non esistono “regole di ingaggio” per i soldati israeliani quando si tratta di civili.

Israele ha cercato di cancellare ogni aspetto della nazione palestinese, compresa la sua conoscenza e cultura. A Gaza sono state distrutte più di 390 istituzioni educative, tutte quante Università; migliaia di studenti e insegnanti sono stati uccisi.

Se ciò fosse accaduto in qualsiasi altro paese, le nostre università si sarebbero immediatamente ribellate, ma rimangono completamente in silenzio sulla distruzione del sistema educativo palestinese e sul genocidio in corso. Peggio ancora, molte università negli Stati Uniti continuano a investire in industrie che sostengono la brutalità militare israeliana.

I presidenti delle università spesso affermano di avere la sicurezza e il miglior interesse degli studenti ebrei, mentre reprimono le condanne della violenza israeliana. Ma attaccare la libertà di parola e fare doxing agli studenti non combatte l’antisemitismo nei campus perché non c’è nulla di antisemita nell’opporsi al genocidio. Inoltre, le amministrazioni universitarie hanno costantemente chiarito che non si preoccupano molto della sicurezza degli studenti con atteggiamenti filo-palestinesi, anche se sono ebrei.

Proprio all’inizio di questo mese, membri dei gruppi Studenti per la Giustizia in Palestina (SJP) e Jewish Voice for Peace (JVP) sono stati attaccati con quella che si ritiene essere un’arma chimica di fabbricazione israeliana mentre stavano manifestando pacificamente per un cessate il fuoco il campus della Columbia University. Da allora almeno otto studenti sono stati ricoverati in ospedale.

L’amministrazione universitaria ha scelto di incolpare le vittime per quanto accaduto, affermando che la loro protesta era “non autorizzata e violava le politiche universitarie”. La Columbia è una delle tante università che alimentano la pericolosa e antistorica fusione tra ebraismo e sionismo, avendo bandito i suoi capitoli di SJP e JVP.

Queste calunnie e ipocrisia non sono una novità. Da studente a Washington, DC, ho visto esperti politici diffamare le marce filo-palestinesi definendole “terreno fertile” per l’antisemitismo universitario mentre rivendicavano la protesta del 14 novembre. Marcia per Israele è stato un evento che rifiutava l’antisemitismo.

Molti dei miei coetanei palestinesi e arabi – che sono sempre stati solidali con la comunità ebraica – sono continuamente minacciati, molestati e etichettati come “terroristi” per aver sostenuto un cessate il fuoco umanitario e pianto i loro cari. Come donna ebrea, non ho provato altro che gentilezza e sicurezza in ogni protesta guidata dai palestinesi a cui ho partecipato. Al Marcia per Israele, non mi sarei sentito lo stesso, insieme ai canti di “No cessate il fuoco!” e relatori di spicco, come il telepredicatore cristiano sionista John Hagee, che crede che “Dio abbia mandato Hitler”.

Sebbene il disaccordo esisterà sempre all’interno della nostra comunità, il nazionalismo sionista non è lo standard, con gli ebrei americani che ora chiudono le autostrade, occupano gli uffici dei funzionari eletti e si incatenano ai cancelli della Casa Bianca per chiedere un cessate il fuoco.

Di fronte a una violenza indicibile, i palestinesi continuano a mostrare resilienza e altruismo, e il mondo deve loro solidarietà. Dichiarare che le azioni del governo israeliano non ci rappresentano non è sufficiente; il dolore e la rabbia che proviamo per la violenza in corso devono motivarci ad agire.

Nel 1965, il rabbino Abraham Joshua Heschel, attivista per i diritti civili, scrisse della marcia da Selma a Montgomery a cui partecipò: “Anche senza parole, la nostra marcia era un atto di adorazione. Sentivo che le mie gambe pregavano”.

Oggi, quasi 60 anni dopo, dobbiamo abbracciare la protesta anche come forma di preghiera perché la lotta contro l’ingiustizia è da tempo la norma nella nostra comunità. Come studenti ebrei, dobbiamo rifiutarci di permettere che la nostra identità venga corrotta per giustificare crimini contro l’umanità. Dobbiamo rifiutarci di sederci in silenzio mentre i soldi delle nostre tasse e i pagamenti delle tasse scolastiche finanziano il genocidio in nostro nome, sapendo che mai più significa mai più per tutti.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

(tagToTranslate)Opinioni

Il 5 dicembre 2023 mi sono unito ad altri studenti universitari ebrei fuori dal Congresso degli Stati Uniti per protestare contro una risoluzione confondere la critica a Israele con l’antisemitismo. I nostri appelli a respingere la risoluzione non sono stati ascoltati. Due settimane prima si è tenuta un’udienza in cui le nostre preoccupazioni sono state…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *