“Non è rimasto più nulla”: l’industria del turismo indonesiana teme di essere distrutta dall’aumento delle tasse | Notizie sul turismo

Giacarta, Indonesia – Dopo che la terapista termale Murniyati è sopravvissuta al COVID-19 con uno stipendio scarso, ha pensato che il peggio fosse passato.

Ma dopo l’annuncio del governo indonesiano di un forte aumento delle tasse sui servizi di intrattenimento, teme che il salone dove lavora potrebbe essere costretto a chiudere, lasciandola disoccupata.

“Mio marito è solo un tassista, quindi il nostro reddito complessivo è basso. La nostra vita, la mia vita, dipende da me e da lui”, ha detto ad Al Jazeera.

Murniyati è solo uno degli innumerevoli lavoratori in tutta l’Indonesia che potrebbero essere colpiti dai piani di applicazione di un’aliquota fiscale del 40-75% sui servizi di intrattenimento come spa, bar, discoteche e locali per karaoke.

L’aumento proposto ha scatenato una feroce reazione da parte delle imprese, inclusa una sfida in tribunale da parte dei proprietari di spa a Bali.

Hariyadi Sukamdani, presidente dell’Associazione indonesiana degli hotel e dei ristoranti, ha dichiarato in una conferenza stampa il mese scorso che i cambiamenti porterebbero alla perdita di posti di lavoro in un “settore che assorbe una quantità significativa di manodopera e non richiede un’istruzione superiore, rendendola essenziale per la popolazione generale”.

Nonostante la reazione negativa, il governo ha annunciato che avrebbe ritardato l’aumento in attesa di una valutazione.

“Valuteremo collettivamente quale sarebbe l’impatto (di una tassa sull’intrattenimento più elevata), soprattutto per i proprietari di piccole imprese”, ha detto il mese scorso il ministro per il coordinamento degli affari marittimi e degli investimenti Luhut Binsar.

Sofie Sulaiman e Murniyati.  Sono in piedi all'ingresso delle terme
Sofie Sulaiman, 55 anni, a sinistra, ha detto che la spa ha lavorato duramente per mantenere tutto il personale durante la pandemia, ma non è sicura di poter sopportare un aumento delle tasse (Madeline Croad/Al Jazeera)

Tuttavia, Sofie Sulaiman, manager di Murniyati alla Jamu Body Treatments di Giakarta, è arrabbiata.

La spa offre lavoro a molte donne, tutte provenienti da ambienti meno abbienti. Molte di loro sono vedove e madri single e la maggior parte lavora alle terme da più di 20 anni.

Sulaiman ha affermato che la sua attività dovrà coprire il costo dell’aumento delle tasse, poiché è troppo alto per essere trasferito ai clienti.

“Il nostro mercato sono gli insegnanti. Non sono gli uomini d’affari, non sono i turisti, non sono gli sposi in luna di miele che spendono soldi quando viaggiano. Sono solo insegnanti, sono solo casalinghe”, ha detto Sulaiman ad Al Jazeera.

Sulaiman ha detto che sarebbe impossibile realizzare un profitto con il nuovo regime fiscale.

“Ci sacrificheremo”, ha detto Sulaiman, aggiungendo che potrebbe essere costretta a chiudere. “Dopo non c’è più niente.”

Entrate e incentivi

Bhima Yudhistira, economista del Centro di studi economici e giuridici, ha affermato che l’aumento delle tasse potrebbe aumentare le entrate dei governi locali e fornire maggiore autonomia alle comunità, ma la mancanza di consultazione ha lasciato i funzionari divisi.

“Alcuni governi locali che hanno enormi località turistiche come Bali non vedono questo come un potenziale di entrate, lo vedono come un nuovo onere fiscale dopo il COVID-19”, ha detto Yudhistira ad Al Jazeera. “Perderanno perché il numero di turisti diminuirà e le imprese ne risentiranno”.

Secondo l’ufficio statistico nazionale, il COVID-19 ha avuto un effetto devastante sulle imprese e sui lavoratori indonesiani, con 2,67 milioni di posti di lavoro persi nel 2020 e oltre 30 milioni di micro, piccole e medie imprese (MPMI) costrette a chiudere durante la pandemia.

Yudhishthira
Altri paesi come Thailandia, Singapore e Malesia potrebbero rappresentare nuove opzioni per i turisti, pensa Yudhistira, il che potrebbe rappresentare un altro attacco all’industria dell’intrattenimento indonesiana post-Covid (Madeline Croad/Al Jazeera)

Nell’ambito della revisione fiscale prevista, l’aliquota è fissata da ciascun governo locale, rendendo le elezioni locali di novembre particolarmente importanti, ha affermato Yudhistira, che è scettico sulla promessa del governo di fornire misure di soccorso e incentivi alle imprese colpite.

Crede che le imprese potrebbero essere “selezionate con cura” a seconda delle loro connessioni politiche.

“Vediamo che molti degli incentivi del governo locale in precedenza non funzionavano bene… I proprietari del settore o gli imprenditori che hanno forti legami con i leader del governo locale, con i governatori, hanno incentivi.”

L’Indonesia si è affermata come destinazione conveniente, ma alcuni funzionari governativi hanno espresso la speranza che i costi più elevati allontaneranno i visitatori con un budget limitato a favore dei turisti spendaccioni.

Gabby Walters, professore associato di turismo e affari presso l’Università del Queensland, ha affermato che un simile approccio sarebbe un errore.

Più di un milione di australiani hanno visitato Bali lo scorso anno, la maggior parte di loro alla ricerca di una vacanza economica e divertente. Costituivano un quarto di tutti gli arrivi turistici, diventando così il gruppo di visitatori più numeroso, secondo le statistiche ufficiali.

“I turisti (australiani) di Bali vogliono l’alcol, vogliono fare festa, quindi abbiamo visto un aumento di beach club, discoteche e non è quello che cercano i turisti ad alto rendimento”, ha detto Walters ad Al Jazeera. “Il modo in cui è strutturata l’industria del turismo di Bali è pensato per incoraggiare e soddisfare quel mercato.”

È un mercato che potrebbe essere scoraggiato da prezzi più alti, in un momento in cui il numero dei turisti è solo poco più della metà di quello che erano prima della pandemia, ha detto Walters.

“Se ci sarà un aumento del 40-75% per comprare un drink in un bar o andare in una discoteca o farsi un massaggio, allora la gente cercherà sicuramente altrove”, ha detto Walters, sottolineando che altre destinazioni nella regione hanno tagliato le tasse.

La Tailandia ha ridotto la relativa tassa al 5% per attirare i turisti e ha registrato un boom di arrivi. Più di 28 milioni di turisti hanno visitato il Paese lo scorso anno, mentre l’Indonesia ne ha attirati poco più di nove milioni.

Guardando al futuro, Sulaiman non è sicura del futuro della sua spa, ma sa che chiudere l’attività e lasciare il personale disoccupato è una possibilità.

Lei è confusa, come molti altri nel settore, riguardo alla mancanza di consultazione.

“Non credo che in nessun altro paese si troverebbe questo tipo di aumento delle tasse”, ha detto. “Non ci hanno mai invitato ad avere una discussione”.

Yudhistira ha detto che le revisioni fiscali sono state fatte troppo in fretta, lasciando fuori dalla conversazione i più colpiti. Pensa che ci siano altri modi per aumentare le entrate del governo locale senza danneggiare l’industria dell’intrattenimento.

“Il peso per l’industria dell’intrattenimento è elevato, il numero dei lavoratori licenziati… Invece di aumentare la tassa sull’intrattenimento dovrebbero aumentare l’altra tassa del governo locale”, ha detto.

Direttore della spa e terapista Murniyati.  È seduta alla reception della spa.  C'è un vaso di orchidee bianche sulla scrivania e dietro porte di legno riccamente intagliate
Murniyati, 36 anni, terapista e receptionist di una spa a Giakarta, ha detto che se perde il lavoro, la sua famiglia avrà difficoltà a permettersi di vivere (Madeline Croad/Al Jazeera)

Con l’esito poco chiaro dei piani fiscali del governo, i ricorsi legali pendenti e le elezioni locali incombenti, il futuro dell’industria dell’intrattenimento è incerto.

Per i lavoratori come Murniyati, lo stesso vale per il loro sostentamento.

“Le nostre vite dipendono dal nostro lavoro. Siamo preoccupati”, ha detto.

(tagToTranslate)Economia

Giacarta, Indonesia – Dopo che la terapista termale Murniyati è sopravvissuta al COVID-19 con uno stipendio scarso, ha pensato che il peggio fosse passato. Ma dopo l’annuncio del governo indonesiano di un forte aumento delle tasse sui servizi di intrattenimento, teme che il salone dove lavora potrebbe essere costretto a chiudere, lasciandola disoccupata. “Mio marito…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *