Putin si è incontrato con Tucker Carlson e gli ha tenuto una conferenza sulla guerra in Ucraina

Quando questa settimana Tucker Carlson ha incontrato il presidente russo Vladimir Putin per un’intervista di oltre due ore al Cremlino, entrambi gli uomini avevano qualcosa da guadagnare da questo scambio raro e altamente pubblicizzato.

Per il presidente russo, impantanato in una guerra, è stata l’occasione per parlare a lungo e offrire al pubblico occidentale la narrazione del “mondo secondo Putin”.

Per Carlson, che sta cercando di ricostruire il suo marchio personale dopo esserlo estromesso da Fox News l’anno scorso, si è trattato di un successo di alto profilo e di un’opportunità per indirizzare il leader russo verso alcuni dei suoi punti di discussione, che trovano risonanza tra i suoi telespettatori, per lo più conservatori.

Nell’intervista, andata in onda questa mattina presto in Russia, si è parlato degli insabbiamenti del governo americano e di cosa significhi essere un cristiano e un leader mondiale a cui a volte viene richiesto l’uso della forza mortale. Ma ciò di cui Putin voleva davvero parlare era l’Ucraina: perché pensa che la Russia abbia diritto a quel territorio e perché il suo Paese non dovrebbe essere incolpato per aver lanciato la guerra.

Durante l'intervista durata più di due ore, il presidente russo Vladimir Putin ha ripetuto le sue affermazioni sul motivo per cui ha lanciato quella che viene chiamata l'operazione militare speciale del paese" il 24 febbraio 2022.
Durante l’intervista durata più di due ore, il presidente russo Vladimir Putin ha ribadito le sue affermazioni sul motivo per cui ha lanciato quella che definisce “l’operazione militare speciale” della Russia in Ucraina nel 2022. (tramite REUTERS)

Carlson non ha fatto pressioni su Putin sul fatto che è ricercato dalla Corte penale internazionale per crimini di guerra in Ucraina o che ha cercato di mettere a tacere i suoi critici interni imprigionandoli o minacciando di farlo.

“Non sembra proprio un’intervista. È più una lezione a una matricola”, ha detto Sergei Sanovich, membro dell’Hoover Institute della Stanford University in California, dove parte della sua ricerca si concentra sulla disinformazione e sulla censura. “(Putin) è un abile propagandista.”

Una rara opportunità

L’intervista arriva a quasi due anni dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, mentre il Cremlino cerca di trarre vantaggio dal vacillante sostegno militare di Washington e dalla necessità dell’Ucraina di resettarsi e riorganizzarsi sul campo di battaglia.

Inoltre, arriva un mese prima delle elezioni russe, in cui Putin è destinato a essere eletto, ma vuole comunque ricordare al pubblico la sua affermazione, spesso ripetuta, di difendere gli interessi della Russia contro l’Ucraina e l’Occidente.

GUARDA | La Russia e l’Ucraina si scambiano la colpa per l’incidente aereo militare russo che ha ucciso 74 persone:

Russia e Ucraina si scambiano le responsabilità dopo l’incidente aereo militare russo che ha ucciso 74 persone

Il ministero della Difesa russo ha accusato l’Ucraina di aver abbattuto un aereo da trasporto militare pieno di prigionieri di guerra ucraini diretti ad uno scambio di prigionieri. L’Ucraina, che non si è assunta la responsabilità, ha affermato che la Russia ha deliberatamente messo in pericolo la vita dei prigionieri di guerra.

E arriva nove mesi prima delle elezioni presidenziali americane, dove Donald Trump è il favorito per la nomina repubblicana. Trump ha criticato le decine di miliardi di dollari che gli Stati Uniti stanno spendendo per la guerra in Ucraina e si è vantato durante un municipio della CNN la scorsa primavera che se fosse presidente, “avrebbe risolto la guerra” in 24 ore.

Quando Carlson ha chiesto se avrebbe avuto un rapporto migliore con il presidente degli Stati Uniti se ci fosse stata una “nuova amministrazione dopo Joe Biden”, Putin non ha risposto direttamente, ma ha detto di avere buoni rapporti personali sia con George W. Bush che con Trump.

Sanovich ha detto che “la motivazione di Carlson è chiara”.

“È una chiara preparazione per ciò che sono sicuro (Carlson) attende con ansia… il successo della candidatura (presidenziale) di Trump e il suo ritorno alla Casa Bianca”.

Il Cremlino ha affermato che a Carlson è stata data l’opportunità di essere il primo giornalista statunitense a intervistare Putin dall’inizio della guerra in Ucraina perché i suoi rapporti non erano “unilaterali”, come molti altri giornalisti occidentali le cui richieste di intervista sono state respinte.

Dopo che l’intervista è stata pubblicata online venerdì, il portavoce di Putin ha detto che Carlson non ha chiarito le domande con il Cremlino in anticipo e che era importante che quante più persone possibile in Occidente guardassero lo scambio.

I trascorsi di Tucker alla Fox

Durante il periodo in cui ha ospitato il suo popolare ma controverso programma serale su Fox, Carlson ha espresso simpatia per la Russia, accusando l’amministrazione Biden di “effettivamente incoraggiante” L’invasione della Russia per poi prolungarla fornendo all’Ucraina armi e munizioni.

Per anni, Carlson ha criticato la politica estera degli Stati Uniti, che secondo lui aveva presentato Putin come lo “spauracchio”, e una volta ha riflettuto: “Perché non dovrei tifare per la Russia? E lo sono”.

I critici di Carlson lo accusano di strombazzare teorie del complotto e di promuovere idee di estrema destra, compresi i vaccini contro il COVID-19 e l’immigrazione.

GUARDA | Carlson intervista la premier dell’Alberta Danielle Smith:

Tucker Carlson intervista il premier dell’Alberta a Calgary

Danielle Smith ha rilasciato un’intervista dal vivo con il controverso ex conduttore di Fox News Tucker Carlson, noto per promuovere la teoria razzista del “grande sostituto” e per aver definito autoritario il primo ministro Justin Trudeau. Smith ha detto che sebbene non sia d’accordo con tutto ciò che dice Carlson, voleva che fosse raccontata la storia di Alberta.

Carlson, che è stato licenziato dalla Fox pochi giorni dopo che la rete via cavo aveva raggiunto un 787,5 milioni di dollari USA insediamento per diffamazione presso Dominion Voting Systems, ora produce le proprie trasmissioni, che vanno in onda sul suo sito web e talvolta anche su X (precedentemente noto come Twitter).

Negli Stati Uniti, Carlson cerca di presentarsi come un anticonformista che si prende cura degli americani della classe media. In Russia, i media statali lo hanno acclamato come uno che dice la verità.

Venerdì, i media statali RIA Novosti hanno affermato che “nessun evento nella sfera dei media in tutto il mondo è stato” accolto con tanta anticipazione come l’intervista di Carlson a Putin, che hanno anche soprannominato “un’arma di istruzione di massa”.

Un canale della televisione statale russa ha pubblicato un conto alla rovescia per la messa in onda dell'intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin, che è stata ampiamente seguita dai media statali del paese.
Un canale televisivo russo ha pubblicato un conto alla rovescia per la trasmissione dell’intervista di Carlson a Putin, che è stata ampiamente seguita dai media statali del paese. (Corinne Seminoff/CBC)

Per tutta la settimana, le mosse di Carlson a Mosca sono state pubblicate su tutti i social media. Sono emerse clip che lo mostravano al famoso Teatro Bolshoi mentre assaggiava i piatti culinari di Vkusno i Tochka, la versione russa rinominata di McDonald’s, che si ritirò dal paese dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Una piattaforma per Putin

Durante l’intervista non sono mancati sorrisi e battute. Quando Putin si è lanciato in una spiegazione di 30 minuti su come crede che la storia giustifichi l’annessione dell’Ucraina alla Russia, Carlson sembrava incerto su come inserire un’altra domanda, cosa che alla fine ha fatto concentrandosi sulla NATO, sul nazismo, sulla minaccia di guerra globale e sugli Stati Uniti. rapporti con la Russia.

“L’intera intervista è stata un traffico a senso unico… (Carlson) ha dato a Putin un tema e ha permesso a Putin di parlare sull’argomento”, ha detto Ian Garner, assistente professore del dipartimento di studi politici della Queen’s University di Kingston, Ontario.

Garner, la cui ricerca si concentra sulla cultura russa e sulla propaganda di guerra, ha detto che Carlson non ha sfidato Putin con domande di follow-up.

Ad esempio, non è intervenuto quando Putin ha affermato che l’esercito ucraino ha iniziato ad attaccare la regione del Donbass nel 2014, creando così una minaccia che richiedeva alla Russia di prendere la Crimea sotto la sua “protezione”.

Ad un certo punto durante l'intervista l'emittente statunitense Tucker Carlson ha chiesto al presidente russo Vladimir Putin chi ha fatto saltare in aria il gasdotto Nord Stream.  Putin ha scherzato dicendo che forse il responsabile era Tucker, prima di suggerire che la colpa fosse degli Stati Uniti.
Ad un certo punto durante l’intervista, Carlson ha chiesto a Putin chi ha fatto saltare in aria il gasdotto Nord Stream nel settembre 2022. Putin ha scherzato dicendo che forse il responsabile era Tucker, prima di suggerire che pensava che la colpa fosse degli Stati Uniti. (tramite REUTERS)

Garner ha detto che l’unica volta in cui Carlson ha realmente insistito sul leader russo è stato quando lo ha implorato di liberarsi Evan Gershkovich, il reporter del Wall Street Journal che è stato imprigionato in Russia per quasi un anno con l’accusa di spionaggio. Putin ha affermato che uno scambio di prigionieri potrebbe essere possibile e ha suggerito che Mosca voleva che la Germania liberasse Vadim Krasikov, condannato per l’omicidio di un dissidente ceceno a Berlino nel 2019.

Quando Carlson chiese a Putin chi fosse responsabile dell’esplosione del Gasdotto Nord Stream nel settembre 2022, Putin ha lasciato intendere che probabilmente gli Stati Uniti hanno avuto un ruolo. Quando Carlson gli ha chiesto perché la Russia non avesse rilasciato pubblicamente le prove al riguardo, Putin ha risposto che sarebbe stato inutile, dato che gli Stati Uniti controllano i media globali.

Carlson sostanzialmente concordava sul fatto che la colpa fosse degli Stati Uniti quando osservò: “i tedeschi sanno chiaramente che il loro partner NATO ha fatto questo”.

Garner ritiene che Carlson abbia aperto la porta a uno dei suoi argomenti di discussione preferiti, lo Stato Profondo, una teoria del complotto basata sull’idea che funzionari non eletti controllino le azioni del governo degli Stati Uniti.

Ad un certo punto, Putin ha affermato di aver avuto conversazioni promettenti con i precedenti presidenti degli Stati Uniti su una maggiore cooperazione, ma che le idee erano state messe da parte da altri funzionari statali.

“Sembra che tu stia descrivendo un sistema che non è gestito dalle persone elette”, ha detto Carlson.

Messaggistica ucraina

Putin ha esortato gli Stati Uniti a smettere di fornire armi all’Ucraina, affermando che se il sostegno fosse interrotto, la guerra sarebbe finita nel giro di poche settimane.

Quando Carlson gli ha chiesto informazioni su un ulteriore sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina – inclusa la possibilità di truppe americane schierate in Europa se la guerra si espandesse – Putin ha chiesto se non ci fossero altre cose di cui gli Stati Uniti dovrebbero preoccuparsi.

“Ci sono problemi al confine. Problemi con l’immigrazione, problemi con il debito nazionale”, ha detto. “Quindi dovresti combattere in Ucraina? Non sarebbe meglio negoziare con la Russia?”

GUARDA | Nell’intervista a Carlson, Putin critica Zelenskyy per la vicenda Yaroslav Hunka:

Putin attacca Zelenskyj per la vicenda Yaroslav Hunka

Il presidente russo Vladimir Putin ha utilizzato un’intervista con il personaggio dei media statunitense Tucker Carlson per attaccare il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy per essersi unito alla standing ovation per un veterano di un’unità nazista della Seconda Guerra Mondiale durante la sua visita in Canada.

Garner ritiene che questa narrazione sia in sintonia con i sostenitori di Trump, che hanno criticato il governo degli Stati Uniti per aver sprecato denaro con l’Ucraina. Nelle ultime settimane si sono diffuse numerose storie su come il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina – soprattutto tra i repubblicani – stia vacillando, che il paese stesso sia sulla difensiva sul campo di battaglia e che la sua leadership militare sia in subbuglio.

Poche ore prima della pubblicazione dell’intervista, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskky licenziò il suo massimo generaleValeriy Zaluzhnyi.

“Questo è un ottimo momento per Putin per diffondere semplicemente la storia… che il destino dell’Ucraina è inevitabile,“ha detto Garner.

Garner non crede che l’intervista segni un punto di svolta significativo, né negli Stati Uniti, né in Russia, dove Putin sarà quasi certamente rieletto a marzo.

Ma ha detto che gli ha dato l’opportunità di spingere la sua narrativa.

“Arriva in un momento davvero brutto per l’Ucraina, ed è una politica intelligente per Putin e la sua squadra.”

(tagToTranslate)guerra

Quando questa settimana Tucker Carlson ha incontrato il presidente russo Vladimir Putin per un’intervista di oltre due ore al Cremlino, entrambi gli uomini avevano qualcosa da guadagnare da questo scambio raro e altamente pubblicizzato. Per il presidente russo, impantanato in una guerra, è stata l’occasione per parlare a lungo e offrire al pubblico occidentale la…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *