Re Carlo ha il cancro. Ecco cosa sapere.

Lunedì sera, Buckingham Palace ha annunciato all’improvviso la presenza del re Carlo III diagnosticato un cancro, meno di 18 mesi dopo l’inizio del suo regno. Sta ricevendo cure ambulatoriali a Londra.

La diagnosi del monarca britannico ha suscitato un’ondata di simpatia da parte dei leader di tutto il mondo, con il presidente Biden che ha detto che stava pregando per “una guarigione rapida e completa,” e il primo ministro britannico, Rishi Sunak, si è definito “scioccato e triste” dalla notizia. “Sarà semplicemente nei nostri pensieri e nelle nostre preghiere”, il signor Sunak ha detto alla radio della BBC il martedì. “Molte famiglie in tutto il paese che ascoltano questo saranno state toccate dalla stessa cosa.”

Ecco cosa sapere sulla condizione del re e sulle sue implicazioni per la monarchia britannica.

Non molto. Buckingham Palace ha dichiarato lunedì sera che era stata diagnosticata “una forma di cancro”, ma non ha specificato di che tipoe ha chiesto ai giornalisti di non cercare di contattare le persone coinvolte nelle cure di Charles.

Il palazzo ha affermato che i medici avevano identificato “un motivo di preoccupazione” mentre trattavano Charles, 75 anni, il mese scorso per un ingrossamento della prostata. Hanno confermato il cancro – anche se non il cancro alla prostata – con test successivi.

Charles, aggiunge la dichiarazione, ha iniziato un programma di trattamenti regolari lunedì e “rimane del tutto positivo riguardo al suo trattamento e non vede l’ora di tornare al pieno servizio pubblico il prima possibile”.

Che il palazzo non abbia identificato pubblicamente la forma del cancro non è una sorpresa; la famiglia reale britannica tende ad essere estremamente riservata riguardo alle questioni sanitarie. Tre settimane fa, quando il trattamento della prostata programmato da Charles è stato reso pubblico, l’annuncio è stato visto come una rottura con la tradizione.

Il palazzo ha affermato che il re, che ha sostenuto diverse associazioni di beneficenza contro il cancro come Principe di Galles, ha scelto di condividere la sua diagnosi “per prevenire speculazioni e nella speranza che possa aiutare la comprensione pubblica per tutti coloro che nel mondo sono affetti da cancro”.

Su consiglio dei suoi medici, Charles si ritirerà temporaneamente dagli impegni pubblici, che in genere includono discorsi, visite agli enti di beneficenza che sostiene, progetti comunitari e viaggi all’estero.

Ma il re continuerà a svolgere i suoi doveri come britannico in gran parte cerimoniale capo di Stato. Ciò include l’incontro settimanale con il signor Sunak e l’approccio quotidiano “scatola rossa” dei documenti ufficialicome la firma di documenti governativi di routine e il ricevimento delle credenziali di nuovi ambasciatori in Gran Bretagna.

La regina Camilla porterà avanti un programma completo di impegni ufficiali durante il trattamento del marito, ha detto il palazzo, e il principe William, l’erede al trono, tornerà agli impegni pubblici questa settimana. William, 41 anni, aveva sospeso le sue funzioni pubbliche per alcune settimane perché sua moglie Catherine era stata ricoverata in ospedale a gennaio per un intervento chirurgico addominale. Ora è in convalescenza a casa.

I funzionari hanno detto che non c’erano piani per nominare consiglieri di stato per agire al posto di re Carlo – una procedura che potrebbe segnalare che il sovrano non è stato in grado di adempiere ai suoi doveri a causa di una malattia.

Se il re non è temporaneamente in grado di agire come capo di stato a causa di malattia o viaggio all’estero, consiglieri di stato sono nominati per coprire le sue funzioni.

Alcune azioni costituzionali fondamentali richiedono ancora l’aiuto del re per formalizzarle, incluso lo scioglimento del Parlamento per far posto a nuove elezioni; nominare nuovi membri alla Camera dei Lord, la camera alta non eletta del Parlamento; e nominare un primo ministro.

Se Carlo dovesse diventare incapace, potrebbe rimanere re ma con un “reggente” che si assumerebbe pienamente le funzioni del sovrano. Il reggente sarebbe il prossimo in linea di successione: il principe William.

Sotto la legge del 1937 che regola la procedura, il re stesso non avrebbe preso la decisione. Invece, un gruppo comprendente la regina Camilla e alcuni dei più alti funzionari di stato britannici, tra cui il capo della magistratura inglese e il presidente della Camera dei Comuni, firmare una dichiarazione di incapacitàsupportato da prove mediche.

William avrebbe quindi prestato una serie di giuramenti formali, incluso il giuramento di “essere fedele e portare vera fedeltà al re Carlo III, ai suoi eredi e successori secondo la legge”, prima di iniziare i suoi nuovi doveri.

Se in seguito il re si riprendesse, la reggenza potrebbe terminare con una dichiarazione di “cessazione dell’incapacità”.

Lunedì sera, Buckingham Palace ha annunciato all’improvviso la presenza del re Carlo III diagnosticato un cancro, meno di 18 mesi dopo l’inizio del suo regno. Sta ricevendo cure ambulatoriali a Londra. La diagnosi del monarca britannico ha suscitato un’ondata di simpatia da parte dei leader di tutto il mondo, con il presidente Biden che ha…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *