Secondo quanto riferito, il campo di Biden teme che le foto dell’indagine sui documenti classificati del procuratore speciale possano devastare la candidatura alla rielezione

Secondo quanto riferito, la squadra del presidente Biden teme che le foto siano incluse Il procuratore speciale Robert Hur l’imminente rapporto sulla gestione dei documenti riservati potrebbe avere un impatto sulla sua candidatura per la rielezione nel 2024.

Axios ha riferito che gli assistenti di Biden non si aspettano accuse penali a seguito delle indagini, ma sono preoccupati per le foto potenzialmente imbarazzanti incluse nel previsto rapporto di Hur che potrebbero essere rilasciate già questa settimana. Le immagini potrebbero mostrare come Biden conservasse materiali riservati, che furono scoperti alla fine del 2022 nel garage della casa di Biden nel Delaware e in un ufficio privato. I documenti riservati risalgono al periodo in cui Biden era vicepresidente dell’ex presidente Obama.

Gli assistenti di Biden hanno detto ad Axios di essere timorosi ex Quella del presidente Trump potrebbe utilizzare le foto contro il democratico in carica in vista della probabile rivincita del 2024.

Lo stesso Trump si trova ad affrontare più di 40 capi di imputazione, tra cui ostruzione alla giustizia e conservazione intenzionale di informazioni sulla difesa nazionale, per aver archiviato in modo improprio documenti riservati nella sua residenza privata a Mar-a-Lago in Florida dopo aver lasciato la Casa Bianca, a seguito di un’indagine del procuratore speciale Jack Smith.

BIDEN INTERVISTATO DALL’AVVOCATO SPECIALE SU DOCUMENTI CLASSIFICATI

Biden parla dell'attacco di HamasBiden parla dell'attacco di Hamas

Il presidente Biden parla alla Casa Bianca il 10 ottobre 2023. È stato intervistato come parte dell’indagine del procuratore speciale Robert Hur pochi giorni prima.

Con il rapporto di Hur incombente, gli assistenti di Biden temono che la campagna di Trump possa tentare di contrastare la gestione delle due indagini.

LEGGI SULL’APP FOX NEWS

Hur, ex procuratore americano nominato da Trump nel 2017 ed ex impiegato del giudice capo conservatore William Rehnquist, è obbligato a scrivere un rapporto sull’indagine, e gli assistenti di Biden hanno detto ad Axios che si aspettano che il rapporto possa arrivare già questa settimana, anche se la tempistica esatta del suo rilascio è sconosciuta.

Robert Hur pronuncia le sue osservazioniRobert Hur pronuncia le sue osservazioni

L’ex procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland Robert Hur è stato scelto dal procuratore generale Merrick Garland come consulente speciale per l’indagine sui documenti Biden.

Biden ha difeso in passato l’archiviazione di documenti riservati.

“A proposito, la mia Corvette è in un garage chiuso a chiave, quindi non è come se fossero seduti per strada”, ha detto una volta.

In un CBS “Intervista di 60 minuti lo scorso autunno, il procuratore generale Merrick Garland ha promesso di rendere pubblico il rapporto di un procuratore speciale relativo a un’altra questione, quella relativa a Cacciatore Biden – “nella misura consentita dalla legge” e ha promesso di spiegare le “decisioni di perseguire o non perseguire e le loro decisioni strategiche lungo il percorso”.

10 DOMANDE SENZA RISPOSTA SUI DOCUMENTI CLASSIFICATI DI BIDEN

“Di solito, i procuratori speciali hanno testimoniato alla fine dei loro rapporti, e mi aspetto che sarà così anche in questo caso”, ha detto Garland.

Garland nomina un consulente speciale nell'indagine sui documenti riservati di BidenGarland nomina un consulente speciale nell'indagine sui documenti riservati di Biden

Il procuratore generale Merrick Garland ha annunciato la nomina di un procuratore speciale per indagare sulla scoperta di documenti riservati detenuti dal presidente Biden il 12 gennaio 2023 a Washington, DC

Il Dipartimento di Giustizia ha detto ad Axios che anche Garland è impegnata a pubblicare anche il rapporto di Hur.

Anthony Coley, ex consigliere senior di Garland, ha accusato il team di Biden di aver scoperto lentamente il caso.

“Nel contesto dell’incriminazione dell’ex presidente Trump con l’accusa di conservazione intenzionale e deliberata di documenti riservati, il gocciolamento di informazioni da parte del team Biden ha fatto sembrare le scoperte ancora peggiori”, ha scritto in un editoriale.

Fonte articolo originale: Secondo quanto riferito, il campo di Biden teme che le foto dell’indagine sui documenti riservati del procuratore speciale possano devastare la candidatura alla rielezione

Secondo quanto riferito, la squadra del presidente Biden teme che le foto siano incluse Il procuratore speciale Robert Hur l’imminente rapporto sulla gestione dei documenti riservati potrebbe avere un impatto sulla sua candidatura per la rielezione nel 2024. Axios ha riferito che gli assistenti di Biden non si aspettano accuse penali a seguito delle indagini,…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *