UE: le elezioni rinviate in Senegal aprono un “periodo di incertezza” | Notizie sulle elezioni

Il rinvio delle elezioni presidenziali in Senegal apre un “periodo di incertezza”, ha affermato l’Unione Europea, e gli Stati Uniti hanno chiesto una rapida nuova data per le elezioni libere in vista delle proteste dell’opposizione nella capitale, Dakar, che sono state disperse dalla polizia.

“L’Unione europea… invita tutti gli attori a lavorare… per l’organizzazione di elezioni trasparenti, inclusive e credibili il più presto possibile”, ha detto domenica in una dichiarazione la portavoce dell’UE Nabila Massrali.

Sabato il presidente del Senegal, Macky Sall rinviato a tempo indeterminato Elezioni previste per il 25 febbraio.

In un discorso televisivo alla nazione, Sall ha annunciato di aver annullato la relativa legge elettorale, citando una disputa sulla lista dei candidati.

Ha detto di aver firmato un decreto che abolisce un provvedimento del novembre 2023 che aveva fissato la data originaria delle elezioni, ma non ha fornito una nuova data.

Il mese scorso, il Consiglio costituzionale del Senegal esclusi alcuni importanti membri dell’opposizione dalla lista dei candidati.

La Francia, ex potenza coloniale del paese, ha chiesto un voto “il più presto possibile”, affermando che il Senegal dovrebbe porre fine all’”incertezza”.

“Chiediamo alle autorità di porre fine all’incertezza sul calendario elettorale in modo che il voto possa svolgersi il prima possibile, secondo le regole della democrazia senegalese”, ha affermato in una nota il ministero degli Esteri francese.

I candidati presidenziali dell’opposizione hanno affermato che lanceranno le loro campagne nonostante il rinvio.

Il Senegal è tradizionalmente visto come un raro esempio di stabilità democratica nell’Africa occidentale, che è stata colpita da una serie di colpi di stato negli ultimi anni, tra cui Mali, Niger e Burkina Faso.

Gas lacrimogeni sparati contro i manifestanti

Domenica la polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere i sostenitori dell’opposizione a Dakar, nei primi scontri dopo l’annuncio di Sall, ha riferito l’agenzia di stampa AFP.

Uomini e donne che sventolavano la bandiera senegalese o indossavano la maglia della nazionale di calcio si erano radunati in una rotonda di una delle strade principali della capitale su appello di alcuni candidati dell’opposizione.

La polizia ha poi inseguito i manifestanti in fuga nei quartieri circostanti, mentre alcuni tra la folla lanciavano pietre contro gli agenti.

In un reportage dalla periferia di Dakar, Nicolas Haque di Al Jazeera ha detto che tutti i 19 candidati dell’opposizione hanno chiesto ai loro sostenitori di riunirsi nella zona.

“C’è la sensazione che le forze di sicurezza non vogliano alcun raduno. Ma per i membri dell’opposizione, fino a quando il decreto (che annulla le elezioni) non sarà pubblicato… allora non sarà in vigore”, ha detto Haque.

“Alcuni esponenti dell’opposizione con cui ho parlato hanno detto che si tratta di un suo stratagemma per restare al potere, altri lo descrivono come un colpo di stato costituzionale.

“Un motociclista… ha gridato: ‘Bruceremo tutto’. Tutti i manifestanti con cui abbiamo parlato si sentono arrabbiati per quella decisione; si sentono derubati della loro capacità di esprimersi in queste elezioni cancellate da Sall”.

Circa 200 manifestanti hanno bloccato il traffico su una delle arterie principali di Dakar con una barricata improvvisata di pneumatici in fiamme, ha riferito l’agenzia di stampa Reuters.

Lunedì sono previste altre proteste davanti al Parlamento.

La polizia antisommossa senegalese lancia gas lacrimogeni contro i sostenitori del candidato presidenziale dell'opposizione Daouda Ndiaye, a Dakar, Senegal, domenica 4 febbraio 2024. Domenica il blocco regionale dell'Africa occidentale ha chiesto il dialogo per risolvere la crisi politica in Senegal mentre i leader dell'opposizione hanno respinto la decisione da parte del leader del paese di rinviare le elezioni presidenziali del 25 febbraio a causa di una disputa elettorale tra parlamento e magistratura.  (AP Photo/Stefan Kleinowitz)
La polizia antisommossa senegalese lancia gas lacrimogeni contro i sostenitori del candidato presidenziale dell’opposizione Daouda Ndiaye, a Dakar, in Senegal (Stefan Kleinowitz/AP Photo)

“Elezioni inclusive e credibili”

Il Dipartimento di Stato americano ha sottolineato la “forte tradizione di democrazia e transizioni pacifiche del potere” del Senegal e ha esortato “tutti i partecipanti al processo elettorale a impegnarsi pacificamente per fissare rapidamente una nuova data e le condizioni per un’elezione tempestiva, libera ed equa”. .

I politici senegalesi devono “dare priorità al dialogo e alla collaborazione per elezioni trasparenti, inclusive e credibili”, ha affermato il blocco della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) in una dichiarazione che ha invitato le autorità ad “accelerare i vari processi per fissare una nuova data per le elezioni ”.

Gli oppositori sospettano che la fazione del presidente tema la sconfitta del suo successore consacrato, il primo ministro Amadou Ba.

Il Senegal non può “concedersi una nuova crisi” dopo le violenze politiche mortali del marzo 2021 e del giugno 2023, ha detto Sall sabato annunciando un “dialogo nazionale” per organizzare “elezioni libere, trasparenti e inclusive”.

Il codice elettorale del paese prevede che debbano trascorrere almeno 80 giorni tra l’annuncio di un nuovo voto presidenziale e il giorno delle elezioni – teoricamente fissando la nuova data più presto possibile al più presto a fine aprile.

Il mandato presidenziale di Sall dovrebbe concludersi il 2 aprile.

Gli analisti affermano che la crisi sta mettendo alla prova una delle democrazie più stabili dell’Africa in un momento in cui la regione è alle prese con la recente ondata di colpi di stato.

Il Senegal è stato coinvolto in tensioni politiche a seguito di scontri mortali che hanno coinvolto sostenitori dell’opposizione e della squalifica di due leader dell’opposizione prima del voto cruciale.

Il rinvio delle elezioni presidenziali in Senegal apre un “periodo di incertezza”, ha affermato l’Unione Europea, e gli Stati Uniti hanno chiesto una rapida nuova data per le elezioni libere in vista delle proteste dell’opposizione nella capitale, Dakar, che sono state disperse dalla polizia. “L’Unione europea… invita tutti gli attori a lavorare… per l’organizzazione di…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *