Una scheda di memoria digitale rubata con registrazioni raccapriccianti porta a un processo per duplice omicidio in Alaska

ANCHORAGE, Alaska (AP) – Una donna con una lunga storia criminale tra cui furti, aggressioni e prostituzione è salita su un camion con un uomo che l’aveva presa per un “appuntamento” vicino al centro di Anchorage. Quando l’ha lasciata sola nel veicolo, ha rubato una scheda di memoria digitale dalla console centrale.

Ora, più di quattro anni dopo, ciò che ha trovato su quella tessera è la chiave di un processo per duplice omicidio che inizierà questa settimana: foto e video raccapriccianti di una donna picchiata e strangolata in un hotel Marriott, mentre il suo aggressore parla con un forte accento. mentre la esortava a morire, il suo corpo coperto da una coperta veniva portato fuori su un carrello per i bagagli.

“Nei miei film, muoiono sempre tutti”, dice la voce in un video. “Cosa penseranno di me i miei follower? Le persone devono sapere quando vengono uccise in serie.”

Circa una settimana dopo aver preso la scheda SD, la donna l’ha consegnata alla polizia, che ha affermato di aver riconosciuto la voce come quella di Brian Steven Smith, ora 52enne, un nativo del Sud Africa che conoscevano da un’indagine precedente, dicono i documenti del tribunale.

Smith si è dichiarato non colpevole di 14 accuse, tra cui omicidio di primo e secondo grado, violenza sessuale e manomissione di prove, per la morte di Kathleen Henry, 30 anni, e Veronica Abouchuk, che aveva 52 anni quando la sua famiglia ne denuncò la scomparsa nel febbraio 2019. , sette mesi dopo l’ultima volta che l’hanno vista.

Henry e Abouchuk erano entrambe donne native dell’Alaska che avevano vissuto l’esperienza dei senzatetto. Venivano da piccoli villaggi dell’Alaska occidentale, Henry da Eek e Abouchuk da Stebbins.

Le autorità affermano che Henry era la vittima la cui morte è stata registrata al TownePlace Suites by Marriott, un hotel nel centro di Anchorage. Smith è stato registrato per rimanere lì dal 2 settembre al 4 settembre 2019; le prime immagini che mostrano il suo corpo risalgono all’una di notte circa del 4 settembre, ha detto la polizia.

Le ultime immagini sulla carta sono state scattate all’inizio del 6 settembre e mostravano il corpo di Henry nel retro di un pick-up nero, secondo i documenti di addebito. I dati sulla posizione hanno mostrato che nel momento in cui è stata scattata la foto, il telefono di Smith si trovava nell’area di Rainbow Valley Road, lungo la Seward Highway a sud di Anchorage, la stessa area in cui è stato trovato il corpo di Henry diverse settimane dopo, ha detto la polizia.

Mentre gli investigatori interrogavano Smith sul caso Marriott, hanno detto le autorità, ha fornito ulteriori informazioni alla polizia che lo ha scortato in un bagno: aveva ucciso un’altra donna, e ha continuato a identificarla – Abouchuk – da una foto e a fornire la posizione. dei suoi resti, lungo la Old Glenn Highway a nord di Anchorage.

“Senza alcun suggerimento, dice agli agenti nel bagno: ‘Vi renderò famosi'”, ha detto il procuratore distrettuale Brittany Dunlop durante un’udienza in tribunale la scorsa settimana. “Torna dentro e dice… ‘Ragazzi, avete ancora un po’ di tempo? Vuoi continuare a parlare?” E poi svela quest’altro omicidio.

Gli Alaska State Troopers nel 2018 hanno identificato erroneamente un altro corpo come quello di Abouchuk, perché insieme ad esso era stato scoperto il documento d’identità di Abouchuk, per ragioni che rimangono poco chiare. Ma con le informazioni fornite da Smith, gli investigatori hanno riesaminato il caso e hanno utilizzato le impronte dentali per confermare un teschio con una ferita da proiettile trovato nell’area identificata da Smith come quella di Abouchuk, hanno detto le autorità.

L’avvocato di Smith, Timothy Ayer, ha cercato senza successo di escludere la prova della scheda di memoria digitale – o anche solo menzionarla – durante il processo. La donna che ha consegnato la carta inizialmente ha affermato di averla semplicemente trovata per strada, e solo in un secondo colloquio ha confessato di aver rubato la carta dal camion di Smith mentre lui cercava di prelevare denaro da un bancomat e lei aveva per una settimana prima di consegnarlo alla polizia, ha detto.

Per questo motivo, ha sostenuto, l’accusa non sarebbe stata in grado di dimostrare la provenienza delle 39 foto e dei 12 video, stabilire se fossero originali o duplicati, o dire con certezza se fossero stati manomessi.

“Lo Stato non può produrre un testimone che attesti che il video ritrae in modo corretto e accurato qualsiasi atto realmente accaduto”, ha scritto Ayer.

Tuttavia, venerdì scorso, il giudice del terzo distretto giudiziario Kevin Saxby ha stabilito che la donna può testimoniare sul possesso della carta fino a quando non la consegna alla polizia e che le registrazioni possono essere adeguatamente autenticate.

La famiglia di Henry non ha parlato pubblicamente della sua morte e gli sforzi per raggiungere i parenti non hanno avuto successo. La famiglia di Abouchuk non ha risposto ai messaggi dell’Associated Press.

“Queste erano due donne native dell’Alaska”, ha detto Dunlop, allora assistente procuratore distrettuale, nel 2019 dopo che Smith è stato accusato. “E so che questo colpisce nel segno qui in Alaska, e ne siamo consapevoli. Li trattiamo con dignità e rispetto”.

Le autorità hanno detto che Smith, che è detenuto presso l’Anchorage Correctional Facility, è arrivato in Alaska nel 2014 ed è diventato cittadino statunitense naturalizzato lo stesso mese in cui Henry è stato ucciso.

In una lettera del 2019 all’AP, ha rifiutato di discutere il caso. Ha aggiunto che sta bene: “Ho perso peso, ho molto meno stress e sono sobrio”.

Sua moglie, Stephanie Bissland di Anchorage, e una sorella che fungeva da portavoce della famiglia in Sud Africa, hanno entrambe rifiutato di commentare fino alla fine del processo.

Il processo, che dovrebbe durare tre o quattro settimane, avrebbe dovuto iniziare lunedì con la selezione della giuria.

I pubblici ministeri avevano suggerito la possibilità di chiudere l’aula per evitare che i video raccapriccianti fossero visti dal pubblico. L’Associated Press, l’Anchorage Daily News, l’Alaska’s News Source e l’Alaska Public Media si sono opposti a tale mossa in una lettera al giudice che presiede la corte.

Successivamente, Saxby ha affermato di non avere intenzione di tenere il pubblico lontano dall’aula, ma che saranno messe in atto misure di salvaguardia per impedire a coloro che si trovano nella tribuna o che guardano il live streaming del processo di vederli.

(tagToTranslate)Steven Smith

ANCHORAGE, Alaska (AP) – Una donna con una lunga storia criminale tra cui furti, aggressioni e prostituzione è salita su un camion con un uomo che l’aveva presa per un “appuntamento” vicino al centro di Anchorage. Quando l’ha lasciata sola nel veicolo, ha rubato una scheda di memoria digitale dalla console centrale. Ora, più di…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *